Cittadella-Monza 3-0

Enrico Baldini show

Tripletta al Monza e il Cittadella ipoteca la finale. Venturato, 200 vittorie da prof

Una tripletta di Baldini spiana la strada al Cittadella verso la finale dei playoff di Serie BKT. La squadra di Venturato, alla 200a vittoria da professionista, batte 3-0 il Monza nella semifinale d’andata e guarda con fiducia al match di ritorno in programma giovedi’. Venturato puo’ disporre di tutti gli effettivi con l’unica assenza ormai cronica di Benedetti. Brocchi lascia Balotelli in panchina e gioca con l’ex di turno Diaw che nell’ultima di campionato si e’ sbloccato. E proprio lui mette in rete al 10′ su mischia in area, ma Ayroldi vede un’irregolarita e annulla. Tre minuti dopo, pero’, sono i granata a sbloccare il risultato in maniera regolare con una deviazione sotto porta di Baldini su cross perfetto di Vita.
Adesso i granata giocano bene in palleggio e pressing nella meta’ campo avversaria. I brianzoli non ci stanno e si rendono minacciosi in fase di rimessa. Al 22′ Baldini si ripete con una prodezza. Il lancio e’ addirittura del portiere Kastrati che trova la punta al limite dell’area: aggancio delizioso, dribbling secco e diagonale nell’angolo. Monza frastornato, mai si sarebbe aspettato un avvio cosi’. Nel riorganizzarsi, gli uomini di Brocchi trovano una punizione dal limite e con Frattesi costringono Kastrati alla respinta. Ma anche i granata sanno tirare da fuori, vedi il bolide di Donnarumma da trenta metri con Di Gregorio che si tuffa e devia. Ci prova Carlos Augusto ma l’estremo granata e’ sempre attento.

Il primo a farsi vivo nella ripresa e’ Sampirisi che ci prova di sinistro dal limite ma Kastrati e’ attento. A dirigere il gioco e’ sempre il Cittadella che mette sotto pressione l’avversario. Ne scaturiscono varie opportunita’. La vera occasione il Monza c’e’ l’ha con Danny Mota che di testa costringe il portiere granata al miracolo e poi Frattesi spara alto. Il finale si fa rovente. Gli ospiti vogliono il gol della speranza, i padroni di casa vogliono arrotondare. A 5′ dalla fine apoteosi per Baldini che realizza la tripletta. E adesso per il Monza si fa dura, mentre il Cittadella sogna.

Venezia-Lecce 1-0

Decide Forte su magia di Maleh, il Lecce battuto al Penzo

Il Venezia semina nei primi 45′, raccoglie nel secondo tempo durante il quale contiene la debole reazione del Lecce, poco incisivo se non in un paio di occasioni. L’allievo Zanetti si impone al maestro Corini riempiendo gli spazi in mezzo al campo, chiudendo tutte le linee di passaggio e lasciando il capocannoniere Coda senza munizioni. In cattedra il solito Maleh, per il quale la Fiorentina padrona del cartellino si frega sempre piu’ le mani, e Taugourdeau, metronomo e perfetto da palla inattiva. Ora il Lecce nel ritorno puo’ solo vincere ma dovra’ inventarsi qualcosa, fidando magari nel ritorno di Rodriguez e Pettinari. Il primo tempo e’ un monologo arancioneroverde con Johnsen devastante che alimenta fin dall’inizio le occasioni in serie di Modolo, Aramu e Maleh, piu’ imprecisi che sfortunati, ma ci vuole un Gabriel miracoloso al 39′ sulla rasoiata di Forte dopo l’assist del solito Johnsen. E ad inizio ripresa il Venezia trova il meritato vantaggio. Verticale di Aramu in area, strepitoso tacco volante di Maleh per Forte che in diagonale mancino trova l’angolo. Reagiscono gli ospiti, l’ingresso di Henderson contribuisce ad alzare il baricentro ma Maempaa non e’ mai impegnato seriamente.