L’Assemblea toscana ha approvato la mozione del Movimento 5 Stelle che impegna la Giunta a promuovere la sottoscrizione della Carta di Avviso Pubblico tra tutti i consiglieri eletti in Consiglio regionale, rendendo pubbliche anche le adesioni in apposite pagine web sul sito del Consiglio e della Giunta, oltre che nelle pagine personali biografiche dei singoli assessori e consiglieri. Impegno che deve essere promosso anche in tutte le province e negli enti locali. Astensione di tutti i consiglieri della Lega, che non giustificano la decisione in Aula, e non votano alcuni dem.

Lo comunica la Capogruppo del Movimento 5 Stelle, Irene Galletti, in una nota stampa a margine del voto d’Aula.

Crediamo che le buone pratiche contenute nella Carta di Avviso Pubblico, ma anche la semplice diffusione di tale Codice etico, debbano essere portate avanti con piena convinzione e consapevolezza da chi svolge un ruolo istituzionale. Il Consiglio regionale è stato rinnovato, come la Giunta, – ricorda la pentastellata – e anche se nel 2015 ci fu un’adesione formale della Regione, stante la contingenza attuale – che vede parte delle istituzioni coinvolte nelle indagini relative all’inchiesta Keu – credo sia opportuno rinnovare questo impegno.

Ci auguriamo che l’adesione sia massima, anche tra chi non ha partecipato al voto o si è astenuto” scrive la Capogruppo M5S. “Mentre il richiamo alla memoria che mi è stato fatto dal PD sull’impegno assunto in passato dalla Giunta Rossi, seppur lodevole, rimane lettera morta se non si adempiono ai principi enunciati nel Codice etico. Pertanto consiglio a tutti una rilettura attenta degli articoli della Carta, affinché oltre ai principi enunciati siano pienamente compresi anche le azioni che un amministratore aderente si impegna a compiere o all’astenersi da compiere, che in effetti ad oggi non mi risultano essere stati pienamente assolti.”

Così Irene Galletti, Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Toscana.