Per promuovere il turismo inclusivo, è stata sottoscritta dal Comune di Volterra, con la firma del sindaco Giacomo Santi, la lettera d’intenti con tutte le associazioni di categoria del territorio: Associazione Albergatori Volterra, Associazione Italiana Coltivatori, Associazione Pro-Loco Saline, Associazione Pro Volterra, Centro Commerciale Naturale Volterra, CIA Toscana Ovest, CNA di Volterra, Coldiretti, Confartigianato Valdicecina, Confcommercio di Volterra, Confesercenti di Volterra, Consorzio Turistico Volterra Valdicecina, Distretto Rurale della Val di Cecina, Unione Agricoltori.

 “Abbiamo deciso di promuovere questa iniziativa– afferma Viola Luti, assessora al Turismo del Comune di Volterra – per divulgare i principi del turismo inclusivo e per consolidare le pratiche di inclusione e le forme di accoglienza che caratterizzano il lavoro degli operatori del settore nel nostro territorio. La storia della nostra città, infatti, ha sempre dimostrato apertura e accoglienza verso tutte e tutti. L’adesione a questa iniziativa – continua Luti – da parte di tutte le associazioni di categoria e degli enti di promozione turistica testimoniano l’attenzione e la sensibilità nei confronti di tutti coloro che possono essere oggetto di discriminazioni. Ringrazio tutti i rappresentanti delle associazioni per la loro disponibilità e per il loro prezioso contributo. Il confronto di idee ha permesso di arricchire l’iniziativa e di rafforzare il legame tra il settore pubblico e gli operatori privati attraverso la condivisione degli stessi obiettivi e finalità.

Il Comune di Volterra con delibera di Giunta Comunale n. 62 del 20 aprile 2021 ha approvato l’inizio di un percorso che possa consentire di sviluppare e di consolidare una tipologia di turismo che sia accessibile, inclusivo e che osservi la pari dignità di tutti i turisti, che sia contrario ad ogni forma di discriminazione e che rimuova ogni genere di limitazione nell’accoglienza, essendo la città di Volterra, per ragioni storico-culurali, un luogo di accoglienza.