Un’equipe vaccinale della Azienda USL Toscana nord ovest ha vaccinato ieri, venerdì 4 giugno, 137 civili italiani che fanno parte del personale che lavora presso Camp Darby, la base dell’esercito statunitense situata tra Pisa e Livorno.

Dalle 8 di mattina e per tutta la giornata, all’interno della struttura militare, due medici, due infermieri e una operatrice socio sanitaria hanno iniziato le operazioni di somministrazione con i vaccini Janssen (Johnson&Johnson) forniti dagli Stati Uniti. A comporre la squadra dell’Asl sono stati la dottoressa Elena Ciampa (responsabile delle cure primarie della zona di pisana), il dottor Roberto Giannuzzi (esperto vaccinatore), gli infermieri Riccardo Mazzanti e Annarita Battaglia, e l’operatrice socio sanitaria Chiara Sbrana.

Al momento della vaccinazione erano presenti anche Sabina Ghilli, direttore della Zona distretto di Pisa, Robert Chartier, direttore di Camp Darby, e il tenente colonnello Kelly Togiola, Army Medical di stanza a Vicenza.

“Abbiamo profuso il massimo impegno per garantire questa giornata – ha detto Sabina Ghilli- poter utilizzare le dosi messe a disposizione era un’occasione da cogliere, e lo abbiamo fatto. Si è trattato di uno sforzo in più, nel pieno della campagna vaccinale, ma che è valso la pena fare, in modo che anche il personale italiano che ancora non era rientrato nei programmi di vaccinazione e che avesse fatto espressa richiesta di essere vaccinato, potesse usufruire di questa occasione”.