Inaugurata ieri mattina, sabato 24 luglio, la riqualificazione di piazza Gorgona, alla presenza del sindaco di Pisa Michele Conti, dell’assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa e dell’architetto responsabile dei lavori Roberto Pasqualetti del Presidente del Consiglio Comunale di Pisa Alessandro Gennai, di alcuni membri della Giunta e molti consiglieri comunali.

«Con l’inaugurazione della nuova piazza Gorgona – ha dichiarato il Sindaco di Pisa Michele Conti –  aggiungiamo un ulteriore tassello verso la realizzazione dell’ambizioso progetto unitario di riqualificazione dell’intero litorale, che sta pian piano prendendo forma. Dopo Piazza Baleari e piazza Belvedere lo scorso anno, abbiamo ridisegnato questo spazio pubblico per renderlo più fruibile e trasformarlo in una grande area di passeggio e ritrovo, con nuove pavimentazioni, arredi, un verde arricchito e riqualificato e una fontana con giochi d’acqua e di luce. A questo restyling seguiranno le riqualificazioni di piazza Viviani e piazza Sardegna, dando continuità ad un progetto d’insieme che sta cambiando il volto del litorale. Fin dall’inizio del nostro insediamento abbiamo dato il via ad un’opera di riqualificazione graduale e sistematica: interventi di ripensamento degli spazi pubblici e del verde che hanno ridisegnato le piazze, rendendole più belle ed accoglienti, funzionali allo sviluppo turistico del litorale».

«Ma – prosegue il Sindaco – non ci siamo limitati a questo: abbiamo avviato una massiccia opera di manutenzioni che ha visto il rifacimento di asfaltature in 32 strade del litorale e di numerosi marciapiedi tra Tirrenia, Calambrone e Marina, che proseguiranno anche nei prossimi mesi. Siamo intervenuti con operazioni di rinnovo arboreo (circa 200 alberi nelle nuove piazze, oltre a 6.300 piantine forestali) e di manutenzione del verde che è un grande patrimonio per tutta la fascia del litorale. Abbiamo definitivamente risolto il problema dello spianamento delle spiagge di ghiaia, facendoci carico dei lavori in tempo per l’inizio dell’estate e abbiamo effettuato numerosi interventi antidegrado per l’abbattimento di baracche abbandonate, la pulizia di aree verdi come ex Ciclilandia, la sistemazione dello scivolo in piazza Sardegna, lo sgombero di immobili occupati abusivamente. Dopo l’estate partiranno i lavori per la prosecuzione della Ciclopista del Trammino fino al Bagno Lido a Tirrenia, ampliando un’opera apprezzatissima da tanti pisani e turisti. Abbiamo infine lavorato ai problemi della mobilità e dei parcheggi, con opere di fluidificazione del traffico, come la rotatoria al Ponte del Cep, e aumentando il numero dei posti auto a disposizione, con l’apertura questa estate del parcheggio accanto a piazza Belvedere con 90 posti auto. Tutti interventi che nel loro insieme manifestano un’attenzione che è mancata completamente per decenni e che definirei storica per le nostre località balneari, ricche di grandi potenzialità di sviluppo turistico, ma rimaste purtroppo finora ferme agli anni ’60-’70: stiamo colmando lacune e ritardi che ci permetteranno nel giro di pochi anni di riqualificare e rilanciare tutto il nostro litorale.Appuntamento al 2022 per l’inaugurazione di due importanti opere che abbiamo messo in cantiere: la ciclopista fino al bagno Lido e la nuova Piazza Viviani».

«È una grande soddisfazione – ha aggiunto l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa – inaugurare stamani uno spazio che da oggi potrà tornare ad essere attrattivo, fruibile dalle famiglie, dai bambini, dagli anziani, dai cittadini. Quello di oggi è un momento, un passaggio di un lungo cammino, iniziato fin dal nostro insediamento, che ci sta portando ad un processo di riqualificazione che il litorale pisano si merita. L’anno prossimo sarà la volta del recupero di piazza Viviani, che ci permetterà di completare il percorso e dar vita ad una vera e propria promenade del lungomare, un luogo dove passeggiare e godere del contatto visivo diretto con il mare, valorizzando una peculiarità unica di Marina di Pisa. Ringraziamo i cittadini che ogni giorno ci aiutano con le loro segnalazioni e suggerimenti a migliorare le nostre azioni e a lavorare per lasciare delle opere pubbliche che rendono più bello e accogliente il nostro litorale e tutta la città».

L’intervento di riqualificazione della piazza, per un investimento complessivo di 534 mila euro, è stato eseguito dalle ditte Italscavi sdi Scandicci, Impresa Edile Stradale Panza di Capannori, Duerre Costruzioni, Sebastianelli srl e Passione verde, sotto la direzione dell’architetto del Comune di Pisa, Roberto Pasqualetti. Sono stati eseguiti i lavori di rifacimento della fognatura, di preparazione del terreno nell’area a verde ed è stato realizzato l’impianto di irrigazione. Sono stati piantumati 50 nuovi alberi ad alto fusto tra cui tamerici e lecci, che hanno trovato spazio sull’asse centrale della piazza, 40 oleandri e circa 600 arbusti, che sono andati ad integrare il verde già esistente nella piazza. Nessuna pianta di quelle già presenti nell’area verde è stata rimossa, ma sono state tutte riutilizzate, spostandole dall’area dove si trovavano per seguire il progetto delle siepi di tamerici a chiusura della piazza. Contestualmente è stato sistemato il prato, piantati nuovi cespugli di essenze colorate e profumate come rosmarino, lavanda, ginestra e oleandri. Sono state realizzate le pavimentazioni in calcestruzzo architettonico intervallato da lastre di travertino. Gli interventi hanno previsto anche la sistemazione dell’attuale impianto di illuminazione, l’adeguamento dell’impianto di smaltimento delle acque piovane, integrato con ulteriori griglie di raccolta. Infine nella piazza sono stati collocati i nuovi arredi urbani tra cui panchine, cestini per i rifiuti, rastrelliere per biciclette e fontanella.

La piazza è stata adornata con una fontana a giochi d’acqua, composta da 18 ugelli e dotata di impianto di illuminazione che cambia colore. Può essere programmata per vari scenari di funzionamento, variabili per altezza di getto e movimentazione, sia statici che dinamici. Per il funzionamento viene utilizzata la stessa acqua, recuperata attraverso le griglie, filtrata e rimessa nel circuito. La fontana è stata collocata nella posizione centrale della piazza in modo da valorizzare la prospettiva verso il mare dalla pineta, secondo l’asse originario progettato con il piano regolatore della fine dell’ottocento, che prevedeva, fra l’altro, la presenza di una chiesa dal lato opposto della pineta, mai realizzata, la cui facciata avrebbe dovuto fare da sfondo alla vista est. Un prossimo intervento prevedrà infine di riportare i filari di tamerici sulla via Orlandi, in modo da ricomporre l’assetto urbano.