Con un accordo preliminare sottoscritto dall’Università di Pisa, dall’Università di Scienze Geologiche di Tashkent e dal Comitato di Stato della Repubblica dell’Uzbekistan per la Geologia e le risorse minerarie, è stata ufficializzata la prossima istituzione di un “Unipi Branch” a Tashkent, una sede estera dell’Ateneo pisano in cui svolgere attività di didattica e di ricerca congiunta con le istituzioni uzbeke. Si parte con l’attivazione di un primo corso di laurea in Geologia della durata di quattro anni, che prevede un Preparatory first year (1 anno) e un Bachelor’s Degree Program in Geology (3 anni). L’accordo è stato firmato nel Palazzo della Sapienza da Paolo Mancarella, rettore dell’Università di Pisa, Bobir Islamov, rettore della University of Geological sciences di Tashkent, e Azam Kadirhodjaev, responsabile delle relazioni internazionali dello State Committee on Geology and Mineral Resources of Uzbekistan.

“La firma di questo accordo, col quale il nostro Ateneo si appresta ad aprire un primo corso di studi in scienze geologiche a Tashkent, conferma la vocazione internazionale dell’Università di Pisa e il suo desiderio di misurarsi sempre con nuove e stimolanti sfide –  ha dichiarato il Rettore, Paolo Mancarella – Si tratta solo di un primo passo e già è prevista l’attivazione di altri corsi, che contribuiranno a consolidare i nostri rapporti con l’Uzbekistan, un paese che oggi sta vivendo un momento di grande sviluppo, tanto da essere considerato un’area strategica del Centro Asia. Per questo la nostra presenza qualificata nel Paese, anche in prospettiva futura, non può che rappresentare una grande opportunità per il prestigio internazionale della nostra Università”.

Alla cerimonia ha portato i suoi saluti anche il sindaco di Pisa, Michele Conti: “Con piacere ho dato il benvenuto a Pisa alla delegazione dell’Uzbekistan. L’accordo sottoscritto stamattina è un atto importante che mette in relazione le nostre università, le nostre città, i nostri Paesi. Auspico che questo primo passo sia l’apripista di una più ampia collaborazione in grado di portare vantaggi per i nostri territori e occasioni di crescita reciproca”.

Il progetto di accordo con l’Uzbekistan nasce nel 2019, quando il prorettore alla Cooperazione e relazioni internazionali Francesco Marcelloni e l’Ufficio per le relazioni internazionali dell’Università di Pisa iniziarono a discutere con il vice-ministro Uzokboy Begimkulov del Ministry of higher and secondary specialised education della Repubblica Uzbeka della possibilità di aprire un “Branch Unipi” a Tashkent in cui offrire corsi di laurea dall’Università di Pisa. Molteplici sono le motivazioni che hanno portato all’avvio del progetto: negli ultimi anni infatti il governo uzbeko ha intrapreso una serie di riforme intese ad aprire economicamente il paese al mondo, coltivando legami con Russia, Europa e Cina e investendo molto sull’istruzione universitaria, sull’aumento della qualità dell’istruzione e sulle percentuali di accesso agli studi universitari, che è passata dal 9.5% a circa il 20%, ponendosi come obiettivo di raggiungere il 50% nel 2030. Inoltre l’Uzbekistan si sta proponendo come “hub for internationalization” per tutta l’Asia centrale, mettendo in atto una politica di accoglienza nei confronti degli studenti provenienti dai paesi limitrofi (Kazakistan, Kyrghizistan, Tagikistan, Turkmenistan) e offrendo loro agevolazioni economiche e facilities (dormitori gratuiti, visti gratuiti, ecc.), stimando un potenziale bacino di utenza di circa 100 milioni di giovani. Infine gli studenti uzbeki hanno una formazione di stampo sovietico e sono ben preparati nelle materie scientifiche, riuscendo spesso ad ottenere buoni risultati in termini di carriera accademica. Per questo motivo sono potenzialmente ottimi studenti da reclutare anche come future matricole per l’Università di Pisa.

Alla firma dell’accordo nel Palazzo della Sapienza erano presenti nella delegazione uzbeka Shukhrat Mirkhadiev, membro del Cabinet of the Ministers, Obidjon Kodirov, capo del Dipartimento per la cooperazione internazionale dell’UGS, Numonbek Dalimov, capo del Dipartimento per lo sviluppo strategico dell’UGS e assistente per le attività organizzative dell’Unipi Branch e dell’UGS. Inoltre hanno partecipato S.E. Otabek Akbarov, ambasciatore uzbeko in Italia, Agostino Pinna, ambasciatore italiano in Uzbekistan (collegato a distanza), e Federico Cinquepalmi, della Direzione generale per lo studente lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore del Ministero dell’Università e della Ricerca. Per l’Università di Pisa, oltre al prorettore Francesco Marcelloni, erano presenti anche Marco Abate, prorettore per la Didattica, Luca Pandolfi, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra, Anna Gioncada, presidente del corso di laurea in Scienze geologiche, Sergio Rocchi, professore ordinario del Dipartimento di Scienze della Terra, e Paola Cappellini, responsabile dell’Unità Cooperazione internazionale.