A Pisa e Provincia ogni famiglia spenderà circa 170 euro. Partiti ieri, sabato 3 luglio, i saldi estivi che proseguiranno per 60 giorni. Interessano 15,5 milioni di famiglie e secondo le stime Confcommercio saranno circa 110.000 le famiglie di Pisa e Provincia che approfitteranno dell’occasione per acquistare capi scontati, per una spesa media di 170 euro a famiglia, 74 euro a persona, in linea con la media nazionale.
“Ci vorrà tempo per tornare ai livelli pre-pandemia” afferma il vicepresidente FederModa Confcommercio Pisa Lorenzo Nuti. “Ma nutriamo davvero molta fiducia e aspettative verso i saldi estivi. Da parte dei clienti c’è voglia di ripartire e di tornare a vivere una nuova normalità dopo il lungo periodo di restrizioni”.

A fare da traino agli acquisti saranno “il ritorno delle occasioni di shopping serale, delle cene con gli amici, degli eventi e delle cerimonie, molte delle quali rinviate dall’anno scorso” dice Nuti, che prevede “acquisti spalmati nell’arco dell’intera settimana anziché concentrati nel solo week-end, mentre i prodotti più venduti saranno abiti per il tempo libero, outfit serali e abiti da cerimonia, quindi pantaloni, camicie e giacche”.

Il vicepresidente FederModa Confcommercio Pisa ribadisce l’importanza di “affidarsi ai negozi di vicinato che garantiscono servizi di qualità, professionalità e trasparenza, sia in termini di relazione con il cliente che di rapporto qualità/prezzo. A questo proposito invito a diffidare dagli sconti troppo bassi: solo nel negozio di prossimità il cliente può avere una garanzia della qualità del prodotto”.

“Ci aspettiamo consumi in crescita rispetto allo scorso anno, contando sulla voglia di ripartire e fare acquisti dopo i mesi passati chiusi in casa, e crediamo davvero che i saldi estivi rappresentino un’occasione importante per recuperare il tempo perduto e rinnovare il guardaroba acquistando a prezzi convenienti” conclude Nuti.