Il 24 ottobre, in contemporanea con le altre città italiane, anche Casciana Terme Lari ha partecipato alla campagna “Io non rischio”. Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio alluvione, l’appuntamento è on-line sulla pagina Facebook ed Instagram della Croce Rossa Italiana Comitato di Casciana Terme

Volontariato di protezione civile, Istituzioni e mondo della ricerca scientifica tornano in piazza con un format tutto digitale per diffondere la conoscenza dei rischi naturali nel nostro Paese e delle buone pratiche di protezione civile. Sarà una piazza virtuale quella organizzata dalla Croce Rossa di Casciana Terme con il supporto del Comune di Casciana Terme Lari: ci saranno contenuti interattivi, video e approfondimenti per trattare il rischio alluvione e per illustrare quali sono i comportamenti più responsabili da seguire.

Per non perdere neppure uno degli appuntamenti, vi invitiamo a seguire la pagina Facebook e Instagram della Croce Rossa Italiana – Comitato di Casciana Terme dove andranno in onda tutti gli eventi in programma.

Fondamentale per la Campagna – giunta quest’anno all’undicesima edizione –  è il ruolo attivo dei cittadini che, domenica 24 ottobre, potranno informarsi e confrontarsi nella nostra piazza digitale, dove saranno forniti spunti e approfondimenti sulle tematiche della Campagna, che a livello nazionale coinvolge oltre 3000 volontarie e volontari appartenenti a circa 500 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

“Io Non Rischio rappresenta una straordinaria occasione di sensibilizzazione per tutta la cittadinanza – dichiara il Sindaco di Casciana Terme Lari, Mirko Terreni – per questo collaboriamo all’iniziativa sempre con grande entusiasmo. Anche in questo 2021 l’evento si terrà in quella che è una piazza digitale: ciò ha richiesto impegno, sinergia e attenzione ai contenuti. Ringrazio quindi i volontari della nostra Croce Rossa per essere riusciti anche quest’anno ad organizzare Io Non Rischio a Casciana Terme Lari. L’invito che faccio ai Cittadini è quello di partecipare e seguire gli appuntamenti in programma.”

“Il nostro obiettivo è sensibilizzare i cittadini sul tema della conoscenza e della riduzione del rischio, promuovendo la cultura delle buone pratiche di Protezione Civile, diffondendo i consigli di uno stile di vita più sicuro, preparando la comunità alla gestione delle calamità affinché i cittadini non diventino solo “vittime” ma anche i primi a prendere parte alla risposta ad un evento emergenziale. – spiega il Vicepresidente della Croce Rossa di Casciana Terme, Enrico Giacobbe – Fondamentale per la riuscita della giornata è l’apporto dei volontari che metteranno in opera non solo quanto appreso in occasione della formazione specifica avvenuta negli scorsi mesi con i Formatori del dipartimento di Protezione civile ma anche il proprio quotidiano modo di fare volontariato. Un volontariato quello della nostra Associazione, organizzato, formato, sensibile, professionale, competente, consapevole e che ama mettersi in gioco! Un volontariato fatto di persone in prima persona che vede in azione Operatori e non semplicemente dei volontari!”

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima, Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica, Regioni, Province Autonome e Comuni.

Sul sito ufficiale della Campagna,  HYPERLINK “http://iononrischio.protezionecivile.it” iononrischio.protezionecivile.it e sui profili social dedicati (Facebook, Twitter e Instagram) è possibile reperire informazioni, aggiornamenti e consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto o un’alluvione.