Nella serata di venerdì e fino alle 1 controlli straordinari antiassembramento in centro storico, disposti con ordinanza del questore ed effettuati da pattuglie della Polizia di Stato, dell’arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia municipale, coordinate da un commissario della Questura. Identificate 26 persone, da sottolineare un duplice intervento della Squadra di Polizia Amministrativa della Questura: alle 19.50 è intervenuta presso un esercizio commerciale della zona delle Vettovaglie, sanzionando la gestrice, di origini straniere, perché aveva venduto due birre da asporto ad altrettanti giovani, violando così l’ordinanza sindacale (entrata in vigore lo scorso venerdì), che vieta la vendita da asporto di alcoli in centro storico nei fine settimana, dalle 17 in poi; alle 23.25 altro intervento in zona Vettovaglie, dove i poliziotti hanno scovato due minorenni che avevano appena acquistato birre da un locale della zona. Il gestore, anch’egli straniero, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per vendita di alcolici a minore infraquattordicenne e sanzionato amministrativamente per vendita di alcolici a minore infradiciottenne: i due minori avevano infatti 13 e 17 anni. Entrambi sono stati accompagnati in Questura ed affidati ai rispettivi genitori, mentre gli alcolici sono stati sequestrati.