L’appuntamento per il secondo weekend del Festival della Toscana costiera è per venerdì 19 e sabato 20 con Fabio Treves e Alex Kid Gariazzo e con i Betta Blues Society. Dopo il successo dei concerti dello scorso fine settimana, continuano alla Stazione Leopolda di Pisa le magiche notti del BluesRiver, il festival musicale della Toscana costiera.

BluesRiver è un evento promosso dalla Casa della Città Leopolda con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Toscana.

L’appuntamento per il secondo weekend di concerti tra blues, rock e sperimentazioni sonore è per venerdì 19 novembre alle 22, quando si esibiranno Fabio Treves e Alex Kid Gariazzo. Treves è considerato il padre del blues italiano, la sua musica è potente, aggressiva e personale e si adatta bene sia ai brani elettrici che a quelli acustici più tradizionali. Ha collaborato, negli anni, con i mostri sacri del blues internazionale. Gariazzo si è unito a Treves quando aveva solamente 23 anni. Insieme hanno condiviso palchi e festival prestigiosi e hanno portato la loro musica nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri e nelle case di riposo.

Sabato 20 novembre alle 22 i riflettori si sposteranno sui Betta Blues Society, il gruppo made in Pisa nato nel 2009 dall’incontro tra la cantante Elisabetta Maulo e il chitarrista Lorenzo Marianelli, che ha poi assunto la forma definitiva con l’ingresso di Fabrizio Balest al contrabbasso e di Pietro Borsò alle percussioni. Il gruppo nel 2018 ha raggiunto la finale dell’International Blues Challenge di Memphis, la più importante manifestazione di questo genere musicale organizzata dalla Blues Foundation.

La rassegna continuerà poi il weekend successivo. Venerdì 3 dicembre a partire dalle 20 sul palco ci saranno gli Organic Groove, band caratterizzata da un sound che proviene dalla black music, in particolare dal funk, dal blues e dal soul-jazz e dalla corrente bianca del rock elettronico. La serata proseguirà alle 22 con il concerto dei Superdownhome, il duo composto da Henry Sauda alla voce, al cigar box e al diddly bow e Beppe Facchetti alla cassa rullante, al low-boy e al crash. Il duo è legato alla tradizione del blues rurale, ma si proietta verso spazi personali contaminati dal rock ‘n’ roll, dal country, dal folk e dal punk.

Il 4 dicembre alle 22 sarà la volta del live di Roberto Angelini, noto cantautore e chitarrista italiano, che presenterà il suo nuovo disco Il cancello nel bosco, in uscita il prossimo 26 novembre, a distanza di nove anni dall’ultimo lavoro di inediti. Angelini è il front man della Propaganda Orchestra della trasmissione TV condotta da Diego Bianchi, diventata ormai un cult.

Domenica 5 dicembre alle 20 aprirà la serata il chitarrista Diego Schiavi. A seguire Egidio Ingala & the Jacknives, che chiuderanno le magiche notti del BluesRiver. Egidio Ingala & the Jacknives sono tra le band più rappresentative in Europa. Il blues originale che propongono è contaminato dalle esperienze dal R’n’B, del soul, del jazz e del rock ‘n’ roll. La band è composta da Marco Gisfredi, chitarrista (che si è fatto le ossa suonando con i più grandi artisti blues contemporanei, europei e americani), Max Pitardi al basso ed Enrico Soverini alla batteria. La straordinaria esperienza accumulata in tanti anni di concerti consente loro di suonare dal blues down-home sporco ai groove urbani più sofisticati.

Durante i concerti sarà allestita un’area ristoro dove degustare la birra artigianale proposta dai birrifici Birrante, Birrificio di Buti e La Staffetta, la selezione di vini proposta dall’enoteca L’Avvelenata Vini e Vinili e le proposte gastronomiche dei vintage food truck.

Per accedere ai concerti è richiesto il green pass. È possibile prenotare l’ingresso tramite il sito web: www.bluesriver.it