Parla anche il Presidente Gravina, intervistato dal calciofemminileitaliano.it esprime il suo parere sulla questione dell’arbitro Maria Sole Ferrieri Caputi che solo due giorni fa ha diretto la sfida tra Cittadella e Cagliari. Con molta soddisfazione dice: “Ormai l’AIA si sta avviando ad una politica di genere diversa rispetto al passato. Ci sono moltissime ragazze che si stanno iscrivendo ai corsi per diventare arbitri professionisti. Recentemente sono stato all’inaugurazione di una sede dell’AIA in Abruzzo ed ho scoperto, con mia grande sorpresa, che sono state premiate cinque ragazze come migliori direttrici di gara emergenti a livello regionale. Ho notato anche che c’è considerazione e uniformità di giudizio nelle decisioni prese da arbitri donne. Inoltre, noto che c’è maggiore rispetto nei confronti della figura dell’arbitro donna, il che abbassa notevolmente la tensione che si respira in campo. È uno stimolo in più per le ragazze e spero presto di vedere più arbitri donne ai massimi livelli”, conclude il numero uno federale.

Fonte: calciofemminileitaliano.it