Pizzicato mentre abbandona 150 kg di rifiuti speciali sul territorio vecchianese un cittadino di Viareggio. Il fatto è accaduto durante lo scorso fine settimana. Gli agenti  della Polizia Municipale di Vecchiano hanno dunque denunciato il conducente di un autoveicolo che trasportava rifiuti speciali costituiti da circa 150 kg di cartongesso presenti in lastre fatte a pezzi ed in sfridi contenuti in sacchi di nylon, per un volume complessivo di oltre 1 metro cubo di materiale. Il fatto è avvenuto sabato pomeriggio, all’imbrunire, sotto il cavalcavia di una strada extraurbana, luogo a fondo naturale, non visibile dalla strada principale. “Gli agenti, mentre erano intenti a controllare la zona, hanno notato sopraggiungere una Citroen Berlingo il cui conducente, alla loro vista, cercava di invertire la marcia. Insospettiti dalla manovra e soprattutto dalla presenza di alcuni sacchi di nylon che si notavano nell’abitacolo, intimavano l’alt e procedevano alla verifica del carico trasportato, scoprendo che i sedili posteriori erano stati abbattuti e tutto il restante abitacolo ed il bagagliaio dell’auto risultava occupato da grandi pezzi di lastre di cartongesso e frammenti dello stesso materiale contenuto in sacchi di nylon per immondizia”, spiegano il Sindaco Massimiliano Angori e l’Assessora all’Ambiente Mina Canarini. 
Dato che il conducente, risultato anche proprietario del veicolo e residente in Viareggio, non dava nell’immediato risposte attendili circa la presenza sul posto e sulla provenienza dei rifiuti trasportati, lo stesso veniva invitato presso la sede del Comando per più approfondite verifiche, all’esito delle quali risultava che la persona era iscritta alla Camera di Commercio come ditta individuale, che i rifiuti di cartongesso erano stati prodotti durante lavori edili di coibentazione effettuati dallo stesso presso un abitazione in Massarosa e che per il trasporto di tali rifiuti non aveva alcuna autorizzazione. Infatti, secondo la normativa vigente, gli scarti di lavorazione del cartongesso sono rifiuti speciali non pericolosi, non assimilabili ai rifiuti urbani, ed in quanto tali devono essere trasportati da imprese autorizzate e conferiti presso aziende specializzate per il loro recupero o per il definitivo smaltimento. A seguito di quanto accertato, gli agenti della municipale procedevano al sequestro dell’autoveicolo e dei rifiuti trasportati mentre per il conducente scattava la denuncia alla Procura di Pisa per gestione non autorizzata di rifiuti speciali.
“Da tempo è attivo sul nostro territorio un gruppo di lavoro, di cui fa parte anche la Polizia Municipale, finalizzato al monitoraggio ambientale e al contrasto dell’abbandono dei rifiuti. Un sentito ringraziamento ai nostri agenti per il tempestivo intervento che ha consentito di prendere in flagrante l’autore di questo gesto incivile”, concludono il primo cittadino e l’Assessora Canarini.