Come da calendario annunciato nelle scorse settimane, OSC Onlus torna a San Miniato. Dopo la presentazione del volume “Tutto il sole che c’è”, insieme all’autrice Antonella Boralevi presso la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, e l’incontro dedicato al Terzo settore al Centro I Cappuccini di Pisa, l’associazione promuove, insieme allaDiocesi di San Miniato e in sinergia con molte altre realtà comeLibera, Progetto Policoro e la Cooperativa Il Cammino, un incontro sul tema della cultura della legalità e del contrasto alla criminalità organizzata attraverso i giovani.


L’evento, che si svolgerà alla Biblioteca del Seminario Vescovile giovedì 16.12 dalle 18.00, è intitolato “Giovani e contrasto alla criminalità organizzata. Come promuovere la cultura della legalità seguendo il modello ‘Liberi di scegliere’”, e avrà come focus particolare proprio l’omonimo progetto (Liberi di scegliere) ideato dal giudice Roberto Di Bella,presidente del Tribunale per i minorenni di Catania, che ha ispirato anche il titolo del libro di Di Bella (“Liberi di scegliere. La battaglia di un giudice minorile per liberare i ragazzi dalla ‘ndrangheta”, Rizzoli Editore), e che ha come obiettivo quello di assicurare una concreta alternativa di vita ai soggetti minorenni provenienti da famiglie inserite in contesti di criminalità organizzata o vittime della violenza mafiosa. Lo stesso progetto, insieme al libro, ha poi ispirato un film andato in onda su Rai Uno nel 2019.

“Un progetto sostenuto con forza anche dal Ministero dell’Interno, che lo scorso anno ha aderito al protocollo d’intesa finalizzato alla sua realizzazione – ha commentato il Presidente di OSC, Valerio Martinelli – purtroppo, la pandemia da Covid-19, come testimoniato anche dal rapporto curato proprio da Libera, ha spesso facilitato le attività della criminalità organizzata. Proprio per questo abbiamo bisogno di far conoscere, specialmente ai più giovani, queste esperienze, che sono un esempio concreto di impegno quotidiano e di servizio alla comunità”.

Del resto, Osc nasce come associazione principalmente finalizzata alla formazione dei più giovani e si propone di fare rete e promuovere sinergie delle diverse realtà impegnate sul campo.

“Osc, sin dagli inizi, ritrova nella cultura della legalità e nella promozione della cittadinanza attiva come elemento in grado di favorire l’adozione e la diffusione di buone pratiche di convivenzail proprio habitat naturale – proseguono dall’associazione – ricordo ancora che poco più di due anni fa, sempre a San Miniato, per festeggiare i primi cinque anni di impegno e di attività di Osc, ci ritrovammo proprio con don Armando Zappolini per parlare di legalità e speranza: due termini che, oggi più che mai grazie a questo evento, facciamo nostri”.

Tra i relatori, infatti, insieme al dottor Roberto Di Bellae all’avv.Enza Rando, Vice Presidente nazionale di Libera, ci sarà anchedon Armando Zappolini.

Faranno parte dell’iniziativa anche il Vescovo di San Miniato Andrea Migliavacca, il sindaco Simone Giglioli, Matteo Squicciarini, animatore di comunità del Progetto Policoro di San Miniato, e Matteo Lami, presidente della Cooperativa Il Cammino. A moderare l’incontro, invece, sarà la giornalista e volontaria dell’associazione Casa della Memoria “Felicia e Peppino Impastato” Mimma Scigliano.

“Questo evento ci permette di avviare un dialogo aperto e di presentare, a chi vorrà seguirci, le esperienze e i progetti di chi, ogni giorno, è in prima linea per sostenere i giovani, contribuendo attivamente alla loro formazione e alla loro crescita – ha concluso Martinelli – un momento da non disperdere e che, sono sicuro, ci stimolerà a dar seguito alle proposte e le idee che saranno presentate”.