Sono 100 gli anni di storia del mobilificio Turini. Fondato a Ponsacco nel 1921 da Nello Turini, ha sede dal 1984 nella zona industriale di Gello di Pontedera, in un capannone di mille metri quadri, da dove prendono forma mobili in legno che vanno ad arredare case, ma anche tante altre realtà. “Produciamo su misura e i pezzi sono tutti artigianali” – racconta l’attuale titolare Massimiliano Tamberi, che questa mattina ha ricevuto la visita del sindaco di Pontedera Matteo Franconi e del vicesindaco Alessandro Puccinelli.

A Tamberi il sindaco ha consegnato un targa per i 100 anni dalla fondazione come falegnameria artigiana. “E’ un riconoscimento alla maestria, all’eccellenza e all’imprenditorialità”, ha sottolineato Franconi. “Questa azienda è un elemento distintivo di un territorio dove queste realtà sono in particolare evidenza”, ha aggiunto Puccinelli.
Il mobilificio Turini è arrivato alla terza generazione, dà lavoro a otto persone, collabora con studi di architettura e il suo mercato è interno ma anche estero. Si spazia dal classico al moderno in base alle richieste della clientela.