Si è chiusa nei giorni scorsi con la messa a dimora delle essenze arboree nei giardini dei plessi scolastici delle scuole Gandhi-Oltrera e “Margherita Hack” de Il Romito la serie di iniziative legate alla Festa dell’Albero che, a Pontedera, hanno visto protagonisti soprattutto gli studenti. Venerdì scorso si è svolta la piantumazione dei 6 alberini donati dal Comune nel giardino Oltrera, lato via Nenni e, a seguire, delle 6 essenze del progetto sul “Giardino Autoctono” sulla parte a nord, lato via Gandhi. Si tratta di un progetto di piantumazione di interesse didattico, che permette ai bambini osservazione, conoscenza e sensibilizzazione. Successivamente, nel plesso “Margherita Hack”, si è svolta la piantumazione di altri 4 alberini. 

L’ultima iniziativa, come detto, di una serie di eventi cominciati il 22 Novembre scorso. Quel giorno, nel giardino della scuola Gandhi, in occasione della Giornata nazionale degli alberi, l’Arma dei Carabinieri aveva messo a dimora un leccio nell’ambito del progetto nazionale “Un albero per il futuro”, che prevede una sensibilizzazione alle tematiche ambientali e che è promosso dai Carabinieri della Biodiversità di concerto con il Ministero per la Transizione Ecologica. Un progetto che ha visto donare alle scuole di tutta Italia dei giovani alberi, che i Carabinieri Forestali hanno consegnato agli studenti, che, a loro volta, dovranno provvedere alla cura. Ogni piantina è stata georeferenziata, in modo che sul sito dedicato al progetto sia possibile seguirne la messa a dimora, la localizzazione e i risultati ottenuti, nell’ottica della creazione di un “Bosco diffuso” che tuteli l’ambiente contrastando i cambiamenti climatici.Il 24 Novembre, presso la scuola primaria Dante Alighieri, si era svolta la piantagione del bosco didattico, realizzato da Unicoop Firenze nell’ambito delle proposte educative 2021/2022. “Dedicate ad affrontare tematiche attuali ed urgenti, come ambiente, solidarietà, cultura e benessere, le proposte educative Unicoop Firenze quest’anno hanno presentato interessanti novità progettate sul territorio, con le scuole e le sezioni soci”, è stato spiegato. Una di queste riguardava la creazione di un bosco didattico, nell’ottica di trasformare l’area verde intorno alla scuola in un laboratorio di biodiversità.

L’avvio del percorso ha visto interagire i bambini della scuola con il bosco, nell’ottica di farli accompagnare nella crescita e nelle attività didattiche e ricreative da un nuovo compagno di giochi.Un’altra iniziativa si è svolta il 25 Novembre, al Parco dei Salici, sempre in collaborazione con i Carabinieri Forestali, che hanno provveduto, alla presenza degli studenti delle scuole superiori del Villaggio Scolastico alla piantumazione di tre salici in un’area che porta proprio questo nome.
“Si tratta di una serie di iniziative – ha detto l’assessore alle politiche educative Francesco Mori – che hanno coinvolto in queste giornate numerose classi, in rappresentanza di tutti gli ordini scolastici. Andiamo ad implementare il patrimonio verde della città e lo facciamo con la partecipazione attiva delle nostre scuole. Piantare alberi è un gesto di rispetto e gratitudine verso le nostre nuove generazioni”.
L’assessore all’ambiente Mattia Belli ha sottolineato L’importanza della formazione dei più piccoli nella valorizzazione ambientale, in un percorso di cura e rispetto reciproco. Sono già alcuni anni – aggiunge Belli – che, come Giunta, portiamo avanti percorsi condivisi su questi temi proprio con le scuole“.