Inizia questo pomeriggio un ciclo di gara dal coefficiente di difficoltà alto il Pontedera, affrontando il Siena al “Franchi” prima di chiudere l’anno rispettivamente con la corazzata Modena e nel derby di Carrara. I granata si presentano a questo confronto con il “dente avvelenato” per le due sconfitte consecutive maturate ad Olbia, e sabato contro il Teramo. Due gare in cui c’era la possibilità ottenendo risultati positivi di dare continuità provando ad allontanarsi dalla “zona calda”. Così non è stato, adesso c’è bisogno di guardare al passato per non ripetere certi errori e dare il massimo. L’avversario sicuramente non è dei più comodi, squadra costruita per le prime posizioni ma anch’essa alla ricerca del riscatto dopo due pesanti sconfitte contro Grosseto e Ancona Matelica, subendo rimonte. Ci vorrà il miglior Pontedera spesso visto contro le Big per tornare a fare punti, in trasferta sono arrivati solo una vittoria e un pareggio, è arrivato il momento di cambiare marcia.

Assenti ancora Parodi e Pretato per problemi muscolari, recuperato Benedetti uscito sabato in seguito ad un fastidio alla caviglia, in dubbio Matteucci, il quale ha lamentato un problema al costato. Si va verso il 3-5-1-1 dove Sposito potrebbe tornare tra i pali, in difesa Espeche, Bakayoko affiancato da uno tra Matteucci e Shiba. Perretta e Milani sugli esterni, Caponi in mezzo al campo supportato come sempre da Barba e Catanese, Benedetti a supporto di Magnaghi. Torna a disposizione Mutton, il quale come Mattioli potrebbe essere un arma da sfruttare nella seconda frazione per far male alla difesa bianconera.

Le probabili formazioni

SIENA (4-3-3): Lanni; Mora, Milesi, Terzi, Favalli; Acquadro, Pezzella, Bani; Disanto, Karlsson, Guberti. A disp. Mataloni, Marocco, Terigi, Farcas, Conson, Montiel, Zaccone, Cardoselli, Marcellusi, Peresin, Darini, Paloschi. All. Negro.

PONTEDERA (3-5-1-1): Sposito; Matteucci, Espeche, Bakayoko; Perretta, Barba, Caponi, Catanese, Milani; Benedetti; Magnaghi. A disp. Angeletti, Santarelli, Shiba, Parodi, Bardini, D’Antonio, Mattioli, Mutton, Di Meo, Marianelli, Regoli, De Ioannon, Benericetti. All. Maraia.

ARBITRO: Ferrieri Caputi di Livorno (Carpi Melchiorre-Lencioni)