Entra nella fase finale il censimento della popolazione e delle abitazioni realizzato da ISTAT. Dopo l’informativa relativa al questionario on-line recapitata ad inizio ottobre presso le abitazioni di molte famiglie campioni, i rilevatori hanno iniziato a contattare alcune di esse terminare l’indagine. Le famiglie che hanno ricevuto la lettera possono fino al 13 dicembre compilare in autonomia il questionario e nel caso avessero smarrito la comunicazione di ISTAT ciascun Centro Comunale di Rilevazione può stampare nuovamente la comunicazione per ciascuna famiglia. Ecco i contatti comune per comune:

ComuneNumero Telefono
Buti0587722514
Calcinaia0587265407
Capannoli0587606605
Casciana Terme Lari0587687541
Palaia0587621436
Pontedera0587299297
Chianni0587648806
Unione Valdera0587299583

Allo stato attuale la Valdera si è mostrata abbastanza ricettiva nelle risposte, ma occorre accelerare per ultimare nei tempi previsti questa rilevazione di cui ricordiamo brevemente scopo e modalità.

Il censimento permette di conoscere le principali caratteristiche strutturali e socio-economiche della popolazione che dimora abitualmente in Italia, a livello nazionale, regionale e locale. A realizzarlo è l’Istat (Istituto nazionale di statistica) ed è strutturato in maniera differente rispetto a quanto avveniva nel passato. Infatti ogni anno partecipano gruppi di cittadini individuati con criterio casuale tra le famiglie residenti nei Comuni scelti come campione per la rilevazione. Nel 2021 le famiglie che partecipano al Censimento sono 2.472.400 in 4531 comuni sull’intero territorio nazionale. Tra questi sono stati selezionati anche 7 degli 8 Comuni per i quali l’Unione Valdera gestisce le procedure, ovvero: Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Chianni, Palaia e Pontedera.

Il censimento non è altro che un’intervista composta da una serie di domande a cui le famiglie selezionate sono tenute a rispondere. Le interviste possono svolgersi in modalità online o essere effettuate direttamente da un rilevatore.

Se la famiglia è stata scelta per l’intervista diretta, avrà già ricevuto la visita di un rilevatore munito di tablet e tesserino di riconoscimento per compilare il questionario, se questo non è avvenut il rilevatore ha lasciato comunque una lettera o ha dato appuntamento alla famiglia selezionata per la compilazione successiva del questionario in un ufficio del proprio comune di residenza.

Se la famiglia selezionata è stata individuata per rispondere online al questionario avrà ricevuto oltre ad una lettera anche il link a cui collegarsi (https://raccoltadati.istat.it/questionario) e le credenziali di accesso con nome utente e password. Questi nuclei familiari possono utilizzare il proprio SPID o la propria CIE, connettersi al portale e rispondere a tutte le domande. Tutte le famiglie che non sono in grado di farlo o che non hanno compilato il questionario entro il tempo previsto sono o saranno contattate da un rilevatore per un’intervista faccia a faccia che si potrà svolgere presso il proprio domicilio, in un ufficio del comune di residenza o anche in una sala messa a disposizione dall’Unione Valdera. Il 13 Dicembre scade il termine ultimo per compilare il questionario online autonomamente e il 23 Dicembre la rilevazione deve essere ultimata, con l’ausilio dei rilevatori e degli operatori comunali di back office.

In ogni caso le famiglie selezionate, indipendentemente dalla modalità scelta, dovranno espletare l’intervista. Vale la pena infatti ricordare che partecipare al censimento è un obbligo di legge e la violazione dell’obbligo di risposta prevede una sanzione.

La situazione che riguarda i comuni gestiti dall’Unione Valdera, è al momento, è piuttosto soddisfacente (come si vede la media dei comuni dell’Unione è superiore rispetto a quella del resto della Provincia di Pisa). Non a caso l’Unione è stata chiamata a raccontare il percorso virtuoso adottato per il censimento alla Conferenza Nazionale di Statistica che si è svolta in questi giorni.