L’Etrusca San Miniato inizia il girone di ritorno riassaporando il gusto dolce della vittoria, dopo la battuta di arresto di sette giorni prima a Vigevano, a spese della Sintecnica Basket Cecina.

I livornesi si sono presentati al PalaFontevivo senza due pedine importanti come il lungodegente play titolare Alessandro Banchi e l’ala grande Giorgio Artioli, mentre l’Etrusca era praticamente al completo, recuperando dopo oltre un mese capitan Benites. Cecina è la squadra che l’Etrusca ha affrontato il maggior numero di volte in Serie B (ben 15) e quella, già prima di questo incontro, con cui ha ottenuto più successi (9 prima di oggi, come contro l’USE Empoli) ed ancora una volta sono stati i biancorossi a prendersi il referto rosa.

L’Etrusca ha approcciato bene la partita e si è portata sul +9 dopo sei minuti e mezzo del primo quarto (20-11), per poi subire il ritorno di Cecina che ha piazzato un parziale di 0-8 ed ha chiuso la frazione sul -1.

Nel secondo periodo la gara si è mantenuta in equilibrio fino alla metà del secondo quarto (32-32) quando l’Etrusca ha aumentato ulteriormente l’intensità difensiva e la corsa in attacco, mettendo a segno un parziale di 20-4 in quattro minuti che l’ha portata sul +16 (52-36 al minuto 19), che diventerà poi +17 all’intervallo lungo (54-37). Il solco scavato dai ragazzi della Rocca in questa fase si rivelerà incolmabile e sostanzialmente rimarrà immutato fino al termine.

Nel terzo quarto l’Etrusca ha continuato ad esprimere la solita grande difesa, costringendo gli avversari a molte palle perse (saranno 27 a fine partita) ed ha concesso a Cecina solo 13 punti, ma si è dimostrata imprecisa in attacco, realizzandone altrettanti.

Nell’ultima frazione Coach Russo ha giocato la carta della difesa a zona. Questa mossa tattica inizialmente gli ha dato ragione, ottenendo un parziale di 0-7 (67-57 dopo due minuti) che ha riportato i livornesi sul –10 e sembrava aver riaperto la gara. Ma la bomba di Benites prima ed il tre su tre ai liberi di Mastrangelo poi (per fallo subito su tiro dall’arco) hanno frustrato ogni speranza di recupero degli ospiti.

“Era una partita insidiosa – ha commentato Coach Marchini a fine gara – La differenza in classifica poteva far pensare ad una partita facile, ma sia io che i ragazzi sapevamo che non lo sarebbe stata. Nonostante le loro assenze sapevamo di incontrare una squadra pimpante, volitiva, che oltretutto ci avrebbe affrontato con molta leggerezza e spensieratezza. Siamo stati bravi a confermare la nostra identità fatta di ritmo, di intensità, di difesa a tutto campo. Le loro 27 palle perse, i loro pochi e non andati a segno tiri da tre, i loro solo 6 assist lo confermano. Purtroppo abbiamo concesso troppi rimbalzi offensivi: a metà tempo su 20 errori al tiro avevano raccolto 9 rimbalzi offensivi. Questo non va bene, è un particolare che dobbiamo correggere se vogliamo continuare il nostro processo di crescita e rimanere ad alti livelli. Ma a parte questo devo fare un applauso ai miei ragazzi ed essere orgoglioso di loro e della partita che hanno fatto.”

La Patrie Etrusca S.Miniato  – Sintecnica Basket Cecina 85-69

(20-19 / 34-18 / 13-13 / 18-19)

La Patrie Etrusca S.Miniato: Mastrangelo 13, Lorenzetti 14, Ermelani n.e. Ciano, Benites 4, Candotto 17, Caversazio 22, Bellachioma, Quartuccio 4, Capozio, Tozzi 11. All. Marchini, Vice Regoli e Latini

Sintecnica Basket Cecina : Guerrieri 3, Pellegrini, Czoska 4, Fioravanti 8, Zanini 7, Bartoli, Raganin 3, Sperduto 17, Pistillo 4, Milojevic 23,  All. Russo, Vice Elmi