Alle ore 19.15 di giovedì 6 gennaio una pattuglia della Squadra Volanti interveniva in zona Cisanello, all’ interno di un locale pubblico, per segnalazione di una persona molesta, identificata per un autista polacco andato in escandescenza perché  sotto l’influenza di alcol, che veniva accompagnato presso il locale nosocomio per le cure del caso. Nel frattempo una pattuglia della Polizia Stradale, allertata dalla sede polacca di una ditta di trasporti internazionale, che non riusciva più ad aver contatti con un proprio autista che si trovava a Pisa per lavoro, tramite il global positioning sistem era riuscita a trovare il camion, parcheggiato in un’area di servizio della superstrada FI-Pi-Li in zona Titignano. La ditta tramite una fiduciaria  aveva poi recuperato il camion. L’operatore di turno alla Sala operativa della Questura ha evidentemente  collegato i due eventi; comunicando ai datori di lavoro del polacco, per il tramite dei colleghi della Polizia stradale, che l’uomo era al Pronto soccorso per le conseguenze della sbronza. Stanotte il medesimo, smaltita la sbornia ma senza il consenso dei medici, è riuscito ad allontanarsi dal Pronto soccorso e, per scaldarsi, ha bruciato alcuni cartoni sul retro di un supermercato sempre in zona Cisanello. Qui la volante di zona durante il pattugliamento ha notato i cartoni in fiamme, senza comunque provocare alcun pericolo di incendio perchè lontani dalla struttura, e lo ha accompagnato in Questura per tenerlo un po’ al caldo e fargli bere un caffè. L’uomo, che aveva completamente smaltito la sbornia e dunque è tornato pienamente in sé, anche se privo del telefonino che non ricorda dove ha smarrito, è stato rimesso in contatto con i suoi datori di lavoro che gli hanno dato le istruzioni del caso per consentirgli di rientrare in patria.