È stata pubblicata in questi giorni la determina e la graduatoria in merito al contributo affitti. «Come
amministrazione comunale – ha detto il sindaco Giovanni Capecchi – ci siamo trovati a far fronte a
una crisi economica causata dalla situazione pandemica mondiale. Una crisi che ha colpito maggiormente
le persone più in difficoltà. Per cercare di rispondere a tutte le richieste di aiuto abbiamo messo
in campo gli strumenti necessari per stare accanto a chi ha più sofferto le conseguenze della pandemia».
Le risorse stanziate complessivamente sono pari a circa 79 mila euro (quasi il doppio di quanto
stanziato nel 2020), di cui 40 mila provengono dalla Regione Toscana, poco meno di 38 mila dal Comune,
utilizzando i fondi Covid per circa 28 mila euro e mille euro dal 5 per mille delle dichiarazioni
dei redditi che arriva al Comune. I beneficiari ammessi sono stati in totale 65 mentre le domande pervenute
sono state 68 (3 richieste sono state escluse per mancanza dei requisiti).
«Un sostegno importante per chi è in difficoltà economica – ha commentato la vicesindaca con
delega al sociale Linda Vanni -. Quest’anno le risorse sono state incrementate perché abbiamo tenuto
conto anche delle forti diminuzioni di reddito subite a causa della crisi provocata dal Covid che ha
acuito i problemi legati all’abitare. Questa misura è un aiuto concreto a tutti coloro hanno difficoltà
economiche e hanno una casa in affitto sul mercato privato. In questo anno abbiamo fatto fronte a
molte emergenze sociali ed è per questo motivo che ci siamo dotati anche di nuovi strumenti come
quello di affidare all’agenzia sociale Casa e la ricerca di appartamenti idonei per rispondere velocemente
alle necessità abitative, soprattutto per chi non risponde ai classici canoni richiesti per stipulare
un contratto di affitto. Un servizio nato per offrire garanzie ai proprietari e dare una possibilità agli inquilini».