Nella bella e rinnovata cornice della Sala Delle Baleari, la scorsa settimana, è stato presentato il volume “Curzio Massart, lo scienziato e l’umanista”, di Leonardo Arrighi. Presenti, tra gli altri, il Sindaco di Pisa, Michele Conti “se oggi possiamo vantare strutture di eccellenza come il nostro Ospedale lo dobbiamo anche a uomini straordinari come Curzio Massart”, il Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai, “l’insegnamento del professor Massart è ancora oggi fondamentale nello studio e nella ricerca. Una tappa fondamentale nella formazione di tanti medici” e il professor Paolo Miccoli “Metteva l’uomo al centro della sua speculazione, fu un uomo innamorato della conoscenza”. E’ intervenuto, inoltre, anche il figlio del professor Massart che ha ricordato, con qualche emozione, alcuni dei momenti di natura familiare di questo famoso scienziato e, infine, è intervenuto l’autore del libro Leonardo Arrighi. “Occuparsi oggi della vicenda umana e professionale di Curzio Massart – ha detto Arrighi – significa rivolgersi al presente, che ha assoluta necessità di recuperare la memoria di storie esemplari come quella di Massart. Professore, studioso, artista, autorità civile: i vari volti di Massart rappresentano ancora oggi un punto di riferimento per la Comunità pisana (e non soltanto), che potrà confrontarsi con il suo importante Concittadino anche in futuro, contando su un volume a cui fare riferimento anche per ulteriori indagini e approfondimenti”. 
Curzio Massart è stato direttore dell’Istituto di Anatomia Umana Normale dell’Università di Pisa dal 1948 al 1977. Nel corso della sua lunga attività, l’anatomista – nato a Suvereto nel 1907 – ha condotto numerosi studi scientifici, a cui ha affiancato un’assoluta dedizione all’insegnamento e alla formazione di allievi, interpreti e protagonisti di una vera Scuola. L’esistenza di Massart è segnata dalla poliedricità, direttamente connessa ad una sconfinata cultura umanistica, capace di manifestarsi attraverso la pratica dell’insegnamento della medicina e la produzione di opere d’arte, attività che lo ha accompagnato per tutta l’esistenza. “Curzio Massrt, lo scienziato e l’umanista”, di Leonardo Arrighi, Prefazione di Paolo Miccoli, pag. 176,48, ed. ETS.