Grazie alla collaborazione tra Nicola Gualerci e Piero Pruneti con l’Assessore al Comune di Pisa Sandra Munno i dirigenti scolastici per le scuole superiori e della direzione dell’Università di Pisa per i corsi di laurea coinvolti, è stato reso omaggio di una copia della rivista Archeologia Viva edita dalla Giunti Editore a tutti gli studenti delle prime classi, al corpo docente e ai dipendenti dei licei scientifici Ulisse Dini e F. Russoli e agli studenti universitari dei costi di laurea di Storia e di Filologia, dei Dipartimenti di Civiltà e Forme del Sapere e di Filologia, Letteratura e Linguistica. L’operazione culturale, iniziata nella città di Pisa lo scorso anno con la consegna di oltre 7000 copie a tutti gli studenti di tutte le classi e ai docenti delle scuole superiori, ha visto il ripetersi dell’iniziativa anche questo anno per le nuove matricole delle scuole superiori, estendendo l’iniziativa agli studenti universitari con corsi di laurea attinenti alle tematiche affrontate dalla rivista.

Archeologia Viva è la prima grande rivista italiana di divulgazione archeologica, fondata nel 1982 da Piero Pruneti. Dispone di un comitato scientifico composto da 36 eminenti personalità del mondo accademico e gli argomenti trattati spaziano dalla preistoria all’età moderna con un’attenzione particolare al mondo mediterraneo. In ogni numero compare un ampio notiziario, reportage sulle principali scoperte nel mondo dell’archeologia, interviste con i protagonisti, mostre, rubriche tecniche ed inoltre offre un vasto programma di eventi culturali a cui tutti possono partecipare. L’iniziativa promossa da Gualerci-Pruneti, è volta a contribuire ad una diffusione culturale e scientifica.

“L’Università di Pisa e Archeologia Viva sono da sempre accomunate dallo stesso amore per le scienze archeologiche e l’iniziativa del direttore della rivista, Piero Pruneti, e dal filantropo Nicola Gualerci è stata un gesto che abbiamo apprezzato tantissimo e di questo vi ringrazio – ha commentato il Rettore, Paolo Mancarella – E’ anche grazie al rigore scientifico e alla capacità di comunicare di iniziative editoriali come Archeologia Viva, d’altronde, se tanti giovani si avvicinano, ancora oggi, a questi percorsi di studio. E ciò è particolarmente importante per un Ateneo come il nostro, che ha proprio nell’Archeologia uno dei suoi fiori all’occhiello. Tanto da essere una delle pochissime Università italiane ad avere ben due corsi di laurea magistrale in questa classe: ‘Archeologia’ e ‘Orientalistica: Egitto, Vicino e Medio Oriente’. Entrambi di grande successo e prestigio.”

“E’ il prosieguo di un percorso già avviato nello scorso anno – ha commentato l’assessore Sandra Munno -, dove tutti gli studenti e docenti delle scuole superiori della nostra città, hanno ricevuto in dono una copia della rivista. Ciò ha permesso ai docenti di molte classi delle scuole superiori, di realizzare importanti approfondimenti sulla tematica della storia e più in generale della nostra cultura. Un’iniziativa totalmente gratuita per le scuole in un momento non facile. L’iniziativa per l’anno 2022, come da volontà dei proponenti Gualerci-Pruneti, a cui va il mio personale ringraziamento, è stata estesa alle facoltà universitarie più direttamente pertinenti.

L’assessore Munno aggiunge: “ho accolto con molto piacere l’idea di ripetere l’esperienza dello scorso anno di mettere a disposizione dei licei la rivista e di estendere il progetto all’Università. L’iniziativa è stata molto apprezzata dai professori e sono certa che sarà occasione per approfondire la conoscenza delle bellezze della nostra Italia e incuriosire i ragazzi per gli argomenti trattati. E’ stata anche l’occasione per dimostrare l’attenzione dell’amministrazione al mondo della scuola ed in particolare a quella fascia di età che ha più risentito dell’isolamento che ha imposto l’emergenza sanitaria”.

Piero Pruneti guardando all’iniziativa per l’anno 2022 afferma: “La storia è un punto fermo della conoscenza individuale, da cui partire nell’apprendimento. Auspico che la lettura della nostra rivista possa fornire agli studenti uno spunto per l’approfondimento degli argomenti storici e culturali più in generale, cui il nostro paese abbonda.

Nicola Gualerci si rivolge agli studenti: “siete il nostro futuro, siate sempre sensibili alla cultura, mai sazi di apprendere. Stupitevi sempre di ciò che di bello vi circonda. Chi ha cultura forgia il suo futuro ed è partecipe nella costruzione di un mondo migliore, ha rispetto per il prossimo, per l’ambiente, per il sociale, non crea disuguaglianze e sa discernere il giusto dallo sbagliato, indipendentemente dall’altrui sensibilità o luoghi comuni. In questo vostro percorso formativo ritengo che anche la conoscenza della storia sia cruciale. Studiate i grandi del passato per essere voi i grandi del futuro. Auspico che i vostri docenti sappiano suscitare in voi, anche in questo particolare periodo, scandito prima dai tempi di una lunga pandemia non ancora completamente superata e adesso da una guerra alle porte dell’Europa, la voglia di ampliare i vostri orizzonti culturali. In questa ottica e con questi auspici, si pone il dono di una rivista scientifica settoriale di ottima fattura come Archeologia Viva”.