Il Comune di Santa Croce sull’Arno ha ottenuto 15.000 euro attraverso la partecipazione ad un bando della Regione Toscana rivolto ai comuni per realizzare progetti di aggregazione giovanile volti alla valorizzazione dell’identità territoriale.
Il progetto ha lo scopo di sviluppare centri di aggregazione giovanile, con particolare riferimento alla fascia di età 13-17 anni, e sarà realizzato all’interno delle strutture comunali del CIAF Maricò e del Centro Giovani Santa Croce Rock City, attraverso la gestione e il coordinamento del nostro ufficio per le attività educative, e in collaborazione con l’Associazione Arturo, partner del progetto.
Il progetto presentato alla Regione e finanziato si pone come obiettivi fondamentali favorire la partecipazione delle giovani generazione alla vita della comunità e potenziare gli spazi di aggregazione giovanile con particolare riferimento alla fascia di età 13-17 anni, valorizzando l’identità territoriale della Toscana, in modo da rendere più attrattive le strutture educative dei contesti territoriali caratterizzati da maggiori fragilità e vulnerabilità, con l’obiettivo di valorizzare la diversità. Obiettivo finale è, inoltre, quello di costruire un punto di riferimento fisico e immateriale sulle tematiche di inclusione e intercultura a livello zonale. Tutto ciò sarà realizzato con percorsi partecipativi che coinvolgeranno i giovani attraverso l’elemento centrale del nostro Centro Giovani, giornate di formazione per studenti, studentesse e insegnanti, potenziamento dei laboratori multilingue, di scrittura creativa e di orientamento scolastico, laboratori artistici e molto altro. Tutto ciò progettato e realizzato sia di concerto con le istituzioni scolastiche sia in ambito extrascolastico, anche attraverso la presenza di operatori di strada.
Tutte le attività saranno progettate e realizzate tra settembre 2022 e dicembre 2023.
Questo progetto permetterà di dare, inoltre, una maggiore continuità e struttura ad anni di investimenti che il comune di Santa Croce sull’Arno porta avanti sul tema delle politiche giovanili, con particolare riferimento all’inclusione e all’intercultura. Attraverso la progettualità finanziata dalla Regione Toscana sarà possibile, infatti, dar vita ad un centro di documentazione e ricerca sul tema dell’intercultura che darà voce ai decenni di esperienza nel settore educativo rispetto a tali interventi e che potrà diventare punto di riferimento per il territorio e non solo, mettendo in rete esperienze e buone pratiche.