Boganini con un sinistro da fuori area al 90′ ha regalato i primi tre punti alla compagine di Occhiuzzi, punendo un Pontedera brillante sul piano del palleggio per almeno 75′, ma che si è disunito proprio nella parte finale del match. Per i granata proprio come la scorsa stagione decisiva è stata la parte finale del confronto, uscendo battuti sul piano del risultato ma lasciando comunque una buona impressione sul piano del gioco. L’unica novità è Espeche al centro della difesa, per il resto formazione annunciata. L’ex Ladinetti in mediana, Fantacci e Cioffi a supporto di Petrovic. L’inizio di gara è piuttosto blando da ambo le parti, complice il grande caldo obbligando le due squadre a prediligere la ricerca della giocata rispetto all’aggressività. Ne scaturisce una lunga fase di studio dove peraltro il Pontedera si lascia proseguire sul piano del palleggio, l’ex Ladinetti gestisce le operazioni trovando assistenza sull’asse sinistro con lo sgusciante Aurelio, beneficiando del movimento di Fantacci e Cioffi, i padroni di casa faticano nella zona nevralgica del campo ma non concedono molto agli avversari negli ultimi sedici metri provando ad innescare Ragatzu e Biancu.

Si registra soltanto un paio di conclusioni di Ladinetti e una di Fantacci bloccata a terra da Gelmi, i padroni di casa hanno l’occasione più limpida: Travaglini va via sulla sinistra il suo cross trova a centro area Contini: l’attaccante va in terzo tempo ma il suo colpo di testa si impenna sopra la traversa. Dagli spogliatoi esce un Pontedera ancora più deciso e convinto, ad inizio di ripresa colleziona due limpide occasioni per sbloccare la contesa: prima Petrovic lanciato in verticale entra in area da posizione defilata, il suo sinistro esce a lato del secondo palo per pochi centimetri. Successivamente è Aurelio a provarci in rovesciata su cross di Cioffi esaltando i riflessi di Gelmi. Ci prova anche Ladinetti in due circostanze, ma in entrambi i casi le sue conclusioni escono sopra la traversa. Con il passare del tempo  comunque l’Olbia trova maggiori spazi in contropiede, Contini lanciato da Ragatzu da posizione defilata obbliga Siano ad un intervento complicato. L’ingresso di Babbi regala maggiore incisività ai sardi pericolosi con Ragatzu, il suo tiro a giro si perde alto.

Poi la svolta inattesa con l’ingresso di Boganini il quale prima colpisce una traversa con un tiro da fuori, campanello d’allarme non raccolto dal Pontedera perchè il classe ’03 si ripete un minuto dopo trovando l’angolino alla destra di Siano.

Olbia (3-4-1-2): Gelmi; Brignani, Bellodi, Emerson; Sueva (55’ Fabbri), Minala, La Rosa, Travaglini; Biancu (84′ Boganini); Ragatzu, Contini (68′ Babbi). A disp.: Van der Want, Renault, Gabrieli, Sanna, Incerti, Occhioni, Zanchetta, Finocchi, Konig. All.: Roberto Occhiuzzi.
Pontedera Siano, Espeche, Shiba, Bonfanti; Perretta, Ladinetti (85′ Guidi), Catanese (63’ Izzillo), Aurelio; Cioffi ( 75′ Mutton), Fantacci; Petrovic. A disp.: Cagnina, Stancampiano, Pretato, Di Bella, Benedetti, Nicastro, Tripoli, Marcandalli, Martinelli. All.: Catalano.
Arbitro: Abdoulaye Diop (Treviglio).
Rete 91’ Boganini
Note: Ammoniti: Minala, Ladinetti (P), La Rosa, Catanese (P), Shiba (P), Occhioni (O). Recupero: 2′ pt, 5′ st. Spettatori: 750