Famiglie Rifiuti Zero del Comune di Vicopisano: 9 mesi, 55 persone coinvolte nel progetto per un risultato di circa  27 kg a testa, in media, di rifiuto indifferenziato contro i 162,8 delle altre famiglie del territorio, pari a 1/6. Terminata l’esperienza delle venti famiglie “Rifiuti Zero” si è tenuto, il 23 novembre, un nuovo incontro nella Sala del Consiglio, con l’Assessore al Ciclo dei Rifiuti, Juri Filippi, che lo ha promosso, in collaborazione con Geofor, il Sindaco Matteo Ferrucci e l’Assessora all’Ambiente, Fabiola Franchi, per parlare di risultati e numeri sì, ma soprattutto di consigli e buone pratiche, da condividere, per ridurre l’indifferenziato.
Nella foto c’è solo una rappresentanza dei 55 partecipanti, tutti molto motivati e contenti di aver partecipato e di poter dare un contributo. Sia adulti che bambini e ragazzi. 
Il progetto era semplice _ spiega l’Assessore Filippi _ le famiglie che hanno aderito sono state segnalate a Geofor che ha fatto avere loro un bollino speciale da apporre quando conferivano i rifiuti indifferenziati. Questi sono stati pesati a parte, nei 9 mesi in questione, e il risultato è stato davvero notevole. Hanno prodotto 27 kg a testa, in media, di rifiuto indifferenziato, contro i 162, 8 chilogrammi prodotti dal resto dei cittadini, rispetto al dato 2021. In sostanza 1/6 di indifferenziato in confronto agli altri. E avrebbero prodotto ancora meno chilogrammi di rifiuto indifferenziato, ma, per fare una comparazione equa, dei chilogrammi effettivi, con la comunità abbiamo dovuto aggiungere la quota parte di indifferenziato prodotto dallo spazzamento, nei cimiteri, durante gli eventi e, soprattutto, quello derivante dal recupero degli abbandoni, contro i quali, continuiamo a batterci continuamente.

Ringraziamo ancora queste famiglie _ aggiunge Filippi_  per la loro adesione, il loro senso di comunità, il loro rispetto per l’ambiente e per l’ottimo modo di gestire i rifiuti nel quotidiano che dimostra concretamente che ridurre l’indifferenziato, e differenziare correttamente, si può. Senza alcuno sforzo, con attenzione, tra l’altro, hanno ribadito i cittadini e le cittadine coinvolti. Vista l’importanza del progetto, dei dati acquisiti e di quello che è emerso parlando con le famiglie interessate, seguirà a breve una fase di restituzione, in varie forme, per la collettività, di condivisione e di sensibilizzazione. Saranno pubblicati sui canali del Comune, sito, social, canale YouTube ecc, brevi video o interviste con consigli semplici e alla portata di tutti, da cittadino a cittadino.
I referenti delle venti famiglie partecipanti (per un totale, come detto, di 55 persone): Alessandra Zanella, Federica Ottanelli, Maria Carmen Martinelli, Maria O’Reilly, Iole Branca, Enrica Inghilleri, Martina Andreotti, Marta Galluzzo, Marina Nina Bruschetti, Giuliano Denti, Michael Sommer, Piera Angela De Riu, Gloria Bigongiali, Giorgio Fanetti, Wlady Lupi, Daniela Villani, Cristiana Cettuzzi, Fabio Donati, Alessandro Carta e Simona Caroti.