Sono 78 i dipendenti del Ctt Nord coinvolti nell’inchiesta che, dopo mesi di indagini, si è conclusa con i primi licenziamenti per gli autisti usi a truffare l’azienda con un utilizzo a dir poco scorretto nella vendita dei biglietti a bordo. Sono 11 i licenziamenti decisi dall’azienda a carico degli autisti che di fatto vendevano a bordo, nella tratta extraurbana, biglietti urbani che gli fruttavano delle provvigioni più alte.

I provvedimenti, congelati in attesa della pronuncia del “consiglio di disciplina”, potrebbero divenire effettivi già dal prossimo 30 settembre. Gli altri 67 dipendenti coinvolti hanno visto concludersi l’inchiesta con la restituzione delle somme ricavate illecitamente e la retrocessione di grado.