La presentazione del match

I nerazzurri tornano a giocare in casa in campionato dopo un mese esatto dall’ultima volta (3-1 al Pro Piacenza) a causa del calendario che tra recuperi e caos ripescaggi si è divertito a mettere il Pisa di fronte a 4 trasferte consecutive in cui ha raccolto 6 punti frutto di due vittorie e due sconfitte. L’Olbia invece è reduce da un periodo negativo culminato con l’esonero del tecnico Filippi e l’arrivo di Guido Carboni in panchina, i sardi infatti Domenica scorsa hanno ceduto clamorosamente 1-4 in casa contro il Gozzano.

La cronaca

Primo Tempo

Gara che parte con una prima fase di studio, il Pisa sicuramente ci prova maggiormente ma non trova grandi spazi contro un’Olbia molto compatto grazie al 4-4-1-1 voluto da mister Carboni. Per i nerazzurri primo cambio forzato già all’11’ quando De Vitis si fa male e lascia il posto a Masucci. Al 16′ gran destro di Di Quinzio che si stampa sulla traversa della porta difesa da Marson, veramente un gran tiro del centrocampista nerazzurro che in questo caso è sfortunato, al minuto successivo ancora Di Quinzio su punizione chiama Marson alla grande parata.

Dopo un momento di stallo il Pisa si rende nuovamente pericoloso al 34′ quando Zammarini entra bene in area dopo uno scambio con Marin ma anzichè passare in mezzo calcia in porta trovando la risposta con i pugni di Marson. Pisa che negli ultimi minuti della prima frazione fatica a trovare spazi contro un Olbia ben messo in campo e così dopo i 2′ di recupero concessi dal Sig. Nicoletti il primo tempo termina sul risultato di 0-0.

Secondo Tempo

La ripresa inizia con gli stessi giocatori che avevano chiuso la prima parte di gara. Pisa che inizia a provarci più costantemente anche se ancora non riesce ad essere troppo pericoloso dalle parti di Marson, nerazzurri che faticano un po’ negli ultimi 20 metri. L’ occasionissima che cercavano i nerazzurri arriva al 60′ dopo due calci d’angolo consecutivi: sul primo in mischia la palla sbatte su palo e poi i sardi spazzano, dal secondo invece dopo la respinta della difesa è Zammarini con il sinitro di controbalzo a bucare Marson per la rete dell’ 1-0!

L’Olbia però prende il gol subito come uno schiaffo che risveglia i sardi che dopo soli tre minuti pareggiano: cross dalla sinistra di Cotali che imbecca Ogunseye che di testa indirizza il pallone prfettamente nell’angolino basso di sinistra dove Gori non può assolutamente arrivare, ed è così 1-1 all’Arena Garibaldi, tutto da rifare per i nerazzurri che si sono fatti sorprendere. Cambiato l’atteggiamento degli ospiti che al 70′ si rendono ancora pericolosi con Ogunseye ma questa volta il suo colpo di testa termina di poco a lato.

Il Pisa risponde un minuto dopo quando su una punizione tagliata di Di Quinzio è Masucci in allungo a scheggiare la parte superiore della traversa, nerazzurri sfortunati in questo caso. Con il passare dei minuti i nerazzurri rallentano un po’ troppo la manovra e faticano nuovamente a trovare spazi per attaccare in maniera pericolosa. All’84’ Marson salva gli ospiti: sull’ennesima punizione di Di Quinzio grande sponda di Masucci per Moscardelli che però centra proprio l’estremo difensore sardo, sul proseguimento dell’azione Birindelli tutto solo manda a lato di testa in maniera troppo frettolosa.

Nel recupero i nerazzurri ci provano con molta confusione senza riuscire però a trovare azioni manovrate in maniera ragionata. E così dopo i 4′ di recupero concessi da Nicoletti la gara termina sul risultato di 1-1: una partita abbastanza strana con il Pisa che ha faticato tantissimo a trovare la rete ma che poi una volta realizzata ha visto l’Olbia svegliarsi pareggiando subito la contesa. Nerazzurri che con questo pareggio salgono a 18 punti in classifica mentre l’Olbia va a 12 mettendo fine al momento negativo che aveva portato due sconfitte consecutive.

Il tabellino

Pisa (3-4-2-1): Gori, Buschiazzo, Brignani, Liotti (81′ Meroni); Zammarini (65′ Birindelli), Gucher, Marin (81′ Cernigoi), Lisi; De Vitis (11′ Masucci), Di Quinzio; Marconi (65′ Moscardelli). All. D’Angelo

Olbia (4-4-1-1): Marson, Pinna, Iotti, Pisano, Cotali; Senesi (70′ Ceter Valencia), Calamai, Vallocchia, Pennington; Ragatzu; Ogunseye (85′ Biancu). All. Carboni

Reti: 61′ Zammarini (P), 64′ Ogunseye (O)

Ammoniti: 44′ Pisano (O), 89′ Pennington (O), 90′ Gucher (P), 92′ Cotali (O)

Note: arbitro Nicoletti di Catanzaro | Angoli 6-3 | Recupero 2′- 4′