Grande spavento per giocatori e tifosi attorno al 35′ della ripresa, quando si scontrano in maniera molto violenta Alagia e Malan, entrambi rimangono a terra per alcuni minuti, poi vengono portati fuori dal campo. Il giocatore neroverde, forse per il freddo e la paura rimane immobile per alcuni interminabili istanti, riprendendosi poi in ambulanza prima di essere portato all’ospedale San Giuseppe di Empoli per accertamenti, mentre per il centrocampista biancazzurro sospetta frattura alla tibia.

Tornando alla gara, il Tuttocuoio a tratti soffre la pressione degli avversari ma riesce a portare a casa il successo con il sacrificio e le sue potenzialità offensive: i neroverdi quando accelerano si dimostrano imprendibili mettendo le fondamenta per il successo ad inizio ripresa. Il tecnico Simone Masini deve fare a meno dello squalificato Di Paola, Giani, Segantini e Ferretti infortunati e dopo mezzora anche Correa alza bandiera bianca. I ponteaegolesi hanno un approccio piuttosto morbido alla gara, il Prato si mette in campo con il 3-5-2 e spesso riesce a tenere il pallino del gioco in mano, anche se raramente si rende pericoloso. L’unica nota di cronaca al 22′ con il sinistro velenoso di Kouassi che si stampa sulla traversa, il Tuttocuoio si affaccia in avanti con qualche sporadica iniziativa sul proprio fronte sinistro offensivo.

Nella ripresa esce dallo spogliatoio una squadra neroverde più propositiva e al 3′ Bellante si presenta in area, vedendosi però respingere il sinistro da un difensore. Dalla bandierina va Guidelli con palla in mezzo dove Cascone può colpire di testa spedendo la palla alle spalle del portiere avversario. Continua a spingere il Tuttocuoio: al 9′ arriva il raddoppio: percussione di Lischi a cercare sul fronte opposto Manetti, il suo destro di prima intenzione sul primo palo non lascia scampo a Demalija. Potrebbe arrivare anche la terza rete, ancora Lischi a tagliare la difesa laniera pescando Bellante davanti al portiere avversario, ma il sinistro dell’attaccante di casa viene neutralizzato. La partita sembra finita ma i lanieri crescono obbligando il Tuttocuoio ad arretrare nella propria metà campo, e al 26′ in maniera seppur fortunosa il Prato riapre la gara; Tomi con il sinistro lascia partire un tiro-cross che scavalca Lombardi, si stampa sul palo e finisce alle sue spalle. Masini si copre passando al 3-5-2 ma rischia di subire il pareggio a stretto giro di posta; è ancora Tomi a spedire alto da buonissima posizione. I neroverdi dimostrano di saper soffrire, difendendosi con le proprie forze sfiorando la terza rete ancora con lo sgusciante Bellante.

TUTTOCUOIO- PRATO 2-1

TUTTOCUOIO (4-3-3): Lombardi; Lischi, Bianconi, Cascone, Bertolucci; Guidelli, Correa (32′ Manetti), Fino (94′ Patteri), Alagia (82′ Diolaiti), Costalli (73′ Mazzola), Bellante. A disp. Battara, Ceccarello, Chiacchio, Chiti, Sheji. All. Masini.

PRATO (3-5-2): Demalija; Piroli, Quinto, Bassano; Marini (56′ Cecchi), Carrotta, Malan (81′ Carli), Kouassi (89′ De Simone); Del Sante (64′ Bazzoffia), Moreo. A disp. Fontanelli, Rozzi, De Filippo, Lunghi, Ghimenti. All.  De Petrillo.

ARBITRO: Gandolfo di Bra. Assistenti: Marchese di Pavia e Cardona di Catania.

RETI: 49′ Cascone, 54′ Manetti, 71′ Tomi

NOTE: Ammoniti: Malan, Quinto. Angoli 1-9. Rec. 0’+6′. Spettatori 200 circa.