Altri due progetti da segnalare tra quelli contenuti nella delibera approvata dal Consiglio comunale di San Giuliano Terme lo scorso 14 dicembre. Primo, il progetto di realizzazione di una vasca di laminazione a Metato, che nasce con l’obiettivo di mitigare il rischio idraulico nel bacino del Fosso Fiumaccio, sottobacino del Fiume Morto. “La valenza dell’intervento – spiegano il sindaco Sergio Di Maio e l’assessora Daniela Vanni – è duplice: si consegue sì una riduzione del rischio idraulico nell’area, con vantaggi per l’ambiente rurale nel suo complesso (aree residenziali e comparto agricolo locale), ma si consegue al tempo stesso un beneficio sotto il profilo della biodiversità e del benessere dei cittadini, poiché il progetto prevede la riqualificazione ambientale dell’area mediante la creazione di corridoi ambientali e la messa a dimora di specie arboree e arbustive per l’incremento della biodiversità e la riqualificazione paesaggistica del contesto”.

Secondo, sempre per quanto riguarda la cura e la conservazione del territorio: sul Monte Pisano il Comune di San Giuliano Terme interverrà con il rifacimento dei muretti a secco mediante un metodo di recupero sperimentale che mira a prevenire e contenere i danni provocati dagli ungulati. L’intervento comprende inoltre il ripristino delle condizioni di percorribilità di alcuni tratti della sentieristica Ret del territorio comunale.