Dopo tante gare in cui non c’era stata la classica conferenza stampa di presentazione del match, Mister D’Angelo torna a parlare e lo fa alla vigilia dell’importante sfida contro la capolista Piacenza. Ecco di seguito i suoi pensieri e le tematiche che vedranno protagonisti i nerazzurri domani sera all’Arena Garibaldi alle ore 18.30.

Secondo me con il mercato di Gennaio abbiamo ridotto notevolmente il gap che avevamo visto con il Piacenza nella gara di andata, credo che il Pisa non sia assolutamente inferiore a loro nè dal punto di vista tecnico nè sotto quello dell’esperienza. Bisogna solamente iniziare a portare gli episodi dalla nostra parte e smettere di fare alcuni errori grossolani. Il Piacenza è una squadra molto ordinata che si difende bene, puntano molto sul contropiede e noi dovremo essere bravi a non farglielo fare e cercare di sfruttare senza errori le occasioni che ci concederanno.”

C’è l’ipotesi di far partire Pesenti dall’inizio, i ragazzi hanno lavorato bene e sono tutti disponibili tranne i soliti Liotti e Marconi. Il nono posto attuale non è solo casualità e lo sappiamo, che non vada bene è certo, però io credo che senza qualche errore di troppo difensivamente e maggiore cattiveria possiamo cambiare questo trend negativo e rialzarci velocemente. La gara di domani è fondamentale per questo e sfruttare bene gli ultimi 16 metri sarà la chiave, noi comunque dobbiamo pensare solamente alla sfida col Piacenza senza guardare la classifica.”

E poi prosegue: “A mio avviso la società in questo mercato ha fatto un gran lavoro, dietro possiamo giocare sia a tre o a quattro ma nelle ultime due gare mi ha soddisfatto il modo dei ragazzi di approcciarsi alle novità. Sicuramente c’è rammarico e scoramento per aver perso punti ma per fortuna nel calcio si può sempre cambiare le cose e far ricredere tutti. Se Lisi e De Vitis anche fuori ruolo sono stati tra i migliori in campo vuol dire che va bene così, il primo corre tantissimo e quindi va bene anche in quella posizione, sul secondo abbiamo finito i termini positivi perchè è un giocatore che può fare tutto forse tranne il portiere (ride ndr).”

Il calcio è fatto di particolari e penso che chiunque possa dire che il Pisa ha meno punti di quelli che meriterebbe, bisogna iniziare a sfruttare gli errori degli altri e soprattutto smettere di farci gol da soli in alcune situazioni, non si può pensare sia solo sfortuna, dobbiamo essere più attenti. Su Moscardelli se ne stanno dicendo tante, lui non ha di certo bisogno della mia difesa, è un grande professionista e gli attaccanti vanno a momenti. Nelle ultime gare ha calciato 3-4 volte non trovando il gol, capisco che questa situazione sia strana anche per lui ma anche la vita è fatta così, ci sono momenti positivi e momenti negativi ma per noi Moscardelli è determinante oltre che un grande professionista.”