Dopo il ritorno alla vittoria arrivato nelle due gare casalinghe contro Pistoiese e Gozzano, i nerazzurri sono chiamati ad affrontare un periodo veramente di fuoco visto che il calendario mette di fronte alla truppa di D’Angelo le capoliste Pro Vercelli (per ben due volte nel giro di 10 giorni) e Virtus Entella, in pratica le due squadre più attrezzate per la vittoria finale del campionato.

In ordine di tempo i nerazzurri avranno Domenica prossima alle ore 14.30 la difficile trasferta di Vercelli in un caso più unico che raro, ovvero si giocherà prima la gara di ritorno rispetto a quella dell’andata che era in programma a fine Ottobre ma che fu rinviata (recupero il 5 Marzo all’Arena) per i noti fatti sui ripescaggi. I nerazzurri affronteranno una squadra quadrata, con un organico sicuramente tra i migliori dell’intero girone e che era stato creato già in Estate per affrontare quella Serie B che sembrava cosa fatta con il ripescaggio ma che poi invece è sfumata nei tribunali e che adesso i piemontesi con prepotenza stanno cercando di riconquistare sul campo.

L’allenatore delle “bianche casacche” è Vito Grieco che utilizza soiltamente un 4-2-3-1 volto a coprire ogni spazio, non a caso la Pro Vercelli sopratutto in casa subisce pochissime reti (solamente 6 in 12 gare giocate) anche se come rendimento i piemontesi vanno sicuramente meglio in trasferta che in casa (25 punti conquistati fuori con una gara in meno giocata e 21 in casa).

In porta gioca l’ex, anche se per poco, nerazzurro Moschin, davanti a lui nella difesa a quattro troviamo a destra Berra ed a sinistra il capitano Mammarella. In mezzo alla difesa c’è un altro importante ex: Luca Crescenzi a fare coppia con Milesi. Nei due centrocampisti di ruolo Mister Grieco schiera solitamente Schiavon e Bellemo, davanti a loro troviamo sulla destra l’ennesimo ex di questa sfida Massimiliano Gatto (che spesso si alterna con il fratello ed altro ex neroazzurro Leonardo), a sinistra il brasiliano Azzi mentre nel ruolo di trequartista centrale a supporto dell’unica punta Morra c’è Germano.

Dopo il caos relativo al caso Pro Piacenza secondo il comunicato della Lega Pro, nella nuova classifica ufficiale la Pro Vercelli si trova al primo posto a pari-merito con Entella, Arezzo e Piacenza con 46 punti conquistati nelle 23 gare giocate dai piemontesi frutto di 13 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte. In casa i piemontesi hanno un rendimento buono ma non eccezionale fatto di 5 successi, ben 6 pareggi (tanti 0-0 sinonimo di una squadra compatta) ed una sola sconfitta subita a sorpresa contro il Cuneo.

La vera forza di questa squadra comunque, oltre alla continuità, come detto è la fase difensiva (migliore difesa del Girone A con sole 15 reti subite) ed una grande concretezza nello sfruttare le occasioni concesse dagli avversari come dimostrano le innumerevoli vittorie per 1-0 di questa squadra che una volta andata in vantaggio difficilmente si fa rimontare.

Formazione tipo Pro Vercelli

(4-2-3-1): Moschin, Berra, Milesi, Crescenzi, Mammarella; Schiavon, Bellemo; Gatto M., Germano, Azzi; Morra. All. Grieco