Le due vittorie ottenute al Mannucci contro Pro Patria e Juventus Under 23- intervallata dalla sconfitta di Chiavari- a consentito al Pontedera di riprendere fiducia, e soprattutto, un margine di vantaggio più rassicurante in chiave playoff, per poter continuare a cullare il proprio sogno di accedere agli spareggi per la serie B, i granata sono chiamati a non abbassare la guardia e continuare a lottare su ogni pallone in tutte le gare, come peraltro hanno fatto dal ritiro estivo in poi. Oggi in programma una trasferta molto delicata, sul campo di un Arzachena, che da qualche giornata sta vivendo il proprio miglior momento della stagione: gli smeraldini, sabato a Vercelli hanno interrotto una serie positiva di sei partite, dove erano arrivate cinque vittorie e un pareggio senza subire reti.

Non c’è da aspettarsi una partita spettacolare sul terreno – dal fondo non perfetto- del “Biagio Pirina” dove la fisicità e l’agonismo farà da padrone. Ivan Maraia deve fare a meno degli infortunati Alessio Benedetti, oltre a Serena e Magrini, oltre Ropolo, il quale sta bruciando le tappe e potrebbe tornare in gruppo prima della fine della stagione. Tornano a disposizione sia Fontanesi che Pinzauti, i quali saranno verosimilmente schierati dall’inizio rispettivamente nella difesa a tre e in attacco a fianco di Tommasini, qualche dubbio a centrocampo nel consueto 3-5-2 dove Mannini e Masetti saranno i consueti stantuffi sulle fascie.

Dirige il confronto Paolo Bitonti di Ancona, coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Centrone di Molfetta e Fabrizio Aniello Ricciardi di Ancona

LE PROBABILI FORMAZIONI

ARZACHENA (4-3-1-2): Ruzittu; Arboleda, Moi, Baldan, Manca; La Rosa, Bonacquisti, Casini, Gatto; Sanna, Cecconi. A disp. Pini, Casula, Onofri, Purcheddu, Nuvoli, Diop, Ruzzittu. All. Giorico.

PONTEDERA (3-5-2): Biggeri; Vettori, Borri, Fontanesi; Masetti, Calcagni, Caponi, Serena, Mannini; Tommasini, Pinzauti. A disp. Sarri, Marinca, Benassai, Giuliani, Raimo, Risaliti La Vigna, R. Benedetti, Prete. All. Maraia.