La sconfitta contro la Virtus Entella per 3-0 ha lasciato un pizzico di amarezza per il Pontedera, il risultato potrebbe far pensare ad una partita senza storia, certo i liguri hanno mostrato la propria superiorità in alcuni frangenti delle gara e su questo nessuno può obiettare, ma ci sono alcuni episodi sottolineati con signorilità ma decisione sia dal Direttore Generale Paolo Giovannini e dal tecnico Ivan Maraia.

Su tutti il rigore assegnato ai padroni di casa, per il leggero contatto fra Borri e Mancosu che ha indotto il direttore di gara ad assegnare la massima punizione, rivedendo l’episodio i dubbi rimangono, anzi forse aumentano. Anche altre situazioni in area avversaria non sono state giudicate con lo stesso metro di giudizio. Sarebbe sbagliato rimanere con la testa a certe decisioni sfavorevoli, il Pontedera è impegnato nella lotta per artigliare il 10^ posto che darebbe la possibilità di approdare ai playoff per la seconda stagione consecutiva, se non è un record poco ci manca. Senza scomodare calendari e tabelle a lunga scadenza che possono lasciar il tempo che trovano, già sabato sera alle 20.30 i granata affronteranno una partita importante contro la Juventus under 23, distante solo quattro lunghezze e quindi saranno in palio punti chiave per realizzare il sogno. Chissà che il pubblico possa tornare numeroso sugli spalti dell’Ettore Mannucci, questa squadra e la società merita per la straordinaria stagione che sta facendo.