Ieri dopo la partita persa in maniera ingloriosa dal Tuttocuoio contro il Ponsacco per 3-0, la presidentessa Paola Coia ha dichiarato: “Abbiamo toccato il fondo” questa frase rappresenta più di ogni altra quello che è accaduto nell’intervallo del confronto con i rossoblù: le partite si possono perdere, vincere o pareggiare, ma l’atteggiamento e soprattutto un gruppo che si sgretola a stagione in corso implodendo su se stesso è forse l’aspetto che più fa male.

Davvero un peccato se si pensa a come era iniziata la stagione, abbiamo scelto proprio di inserire la foto del primo giorno di ritiro, si parlava di gruppo compatto e di atmosfera nuova. Si voleva mettere alle spalle la stagione di sofferenza dello scorso anno, quando Mezzanotti riuscì a confezionare insieme alla società una sorta di autentico miracolo sportivo con una squadra nata in ritardo sulle ceneri di una retrocessione molto dolorosa. L’arrivo di Simone Masini, tecnico emergente con idee nuove e gioco votato alla fase offensiva aveva attirato le attenzioni di pubblico e osservatori, forse alcune vittorie nel girone d’andata sono state fortunose ma la squadra aveva il piglio e l’atteggiamento giusto. Poi si è rotto qualcosa, qualcuno forse ha tirato i remi in barca e ha pensato al proprio torna conto, da dicembre ad adesso un crollo verticale: Non è bastato il cambio di guida tecnica, Nico Scardigli le ha provate tutte senza riuscire a cambiare il corso degli eventi.

Ieri il punto più basso, con litigi tra i giocatori e una scarpa che colpisce anche la presidentessa Paola Coia, il mister che si dimette, e il massimo dirigente neroverde che decide di mandar via sette elementi della rosa: Bellante, BianciardiCascone, Guidelli, Gorzegno, Di Paola, Malotti. Adesso si conclude il campionato con gli Over e gli Juniores, quale sarà il loro impatto? chi sarà l’allenatore? domande che non hanno per il momento risposta ma a breve si dovrebbe averne una.