Un cittadino pisano rimasto in panne subito dopo aver fatto rifornimento, non se n’è fatto una ragione ed ha denunciato alle Fiamme Gialle la frode di cui si riteneva ingiustamente vittima. I controlli dei militari, eseguiti con campionamenti, asta metrica e passa rivelatrice, presso i serbatoi interrati nell’area di rifornimento, hanno permesso di rinvenire la presenza di quantitativi di acqua oltre i limiti consentiti.

Il gestore ha risarcito l’automobilista per il danno subìto dalla sua autovettura.