La battuta d’arresto di Grosseto è archiviata. In casa dell’Fc Ponsacco 1920 è già tempo di pensare al campo perché domani sera si torna a fare sul serio: al Comunale di viale della Rimembranza, infatti, arriva il Tuttocuoio per i 32esimi della Coppa Italia di Serie D.

Si gioca in notturna (calcio d’inizio alle 20.45) e su campo non si faranno sconti. Il tecnico dei rossoblù Luigi Pagliuca lo ha già detto chiaramente nei giorni scorsi: “Prendere sotto gamba l’impegno? Penso proprio di no – ha detto -: Ci teniamo a far bene in tutte le competizioni e onoreremo l’impegno al meglio. Sì, può darsi anche che in Coppa Italia dia spazio anche a qualcuno che ha giocato meno, ma questo non significa nulla: voglio una prestazione importante e sono contento di giocare subito per lasciarsi alle spalle il ko di Grosseto”. Non diteglielo a Luigi Pagliuca, allenatore dell’Fc Ponsacco 1920 dei miracoli, nove under minimo tutte le settimane in campo e prima sconfitta tre giorni fa a Grosseto dopo un filotto di due successi e un pari, che la sfida di domani sera con il Tuttocuoio al Comunale di Viale della Rimembranza (biglietto unico a 12 euro) valida per il 32esimi della Coppa Italia serie D, è una gara di secondo piano. Da quell’orecchio, proprio, non ci sente: “Non scherziamo – dice -: voglio il massimo, a prescindere da chi scenderà in campo, cercando di non commettere gli stessi errori fatti nell’ultima di campionato”.

Già, perché ci può anche stare di perdere a Grosseto, sul campo di quella che al momento è la prima della classe, ma qualcosa al tecnico rossoblù non è andato giù: “Soprattutto nel primo tempo abbiamo disputato anche una buona partita, ma siamo stati troppo leziosi in fase conclusiva – dice -: invece negli ultimi sedici metri bisogna essere più decisi e cattivi”.

Errori da non ripetere, a cominciare dalla sfida di domani sera con il Tuttocuoio. Ancora in dubbio Prete e Apolloni, entrambi assenti anche a Grosseto per una distorsione alla caviglia: “Stanno meglio ma aspetterò la rifinitura per capire se sono in grado, o meno, di scendere in campo mercoledì”.