Il compendio di valori, tra merito, impresa, capacità di innovazione e formazione è stato il protagonista assoluto della mattinata di approfondimento che la Camera di Commercio di Pisa ha organizzato venerdì 31 gennaio per la consegna del sedicesimo Premio Innovazione 2019, riservato alle imprese del territorio che hanno innovato processi, prodotti o sperimentato nuove formule imprenditoriali, e dei Premi di Studio “G. Fascetti” e “G. Bernardini”, rivolto ai migliori diplomati negli Istituti Tecnici e d’Arte della provincia di Pisa. Un modo per dare risalto all’eccellenza nei suoi momenti più significativi, quello della formazione delle risorse umane e quello dell’innovazione nell’attività di impresa.

“Si tratta di un’iniziativa – afferma il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini – con la quale la Camera di Commercio intende dare giusta evidenza a quelle imprese che lavorano quotidianamente per affermare la propria posizione sui mercati ricercando e pianificando l’innovazione in modo sistematico, ma anche all’importanza della risorsa umana, quale fattore indispensabile affinché l’innovazione non solo sia prodotta ma anche interiorizzata e continuamente aggiornata all’interno della vita dell’azienda”.

 

Premio Innovazione 2019

Ventinove le imprese che si sono candidate per concorrere al Premio Innovazione 2019, giunto quest’anno alla sedicesima edizione a testimonianza di un impegno significativo e lungimirante dell’ente camerale pisano. Tre le imprese premiate: KODE S.r.l. con sede a Pisa e QBROBOTICS S.r.l. con sede a Cascina (per la categoria micro-impresa) che, piazzandosi ex aequo, hanno ricevuto 7.500 lordi euro cadauna e INGENIARS S.R.L. con sede a Pisa (per la categoria piccola e media impresa) che si è aggiudicata 15mila euro lordi. La selezione è stata effettuata da un Comitato Tecnico, composto dal Presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini e da rappresentanti del mondo accademico, dell’economia e da esperti di innovazione quali il Prof. Marco Raugi dell’Università di Pisa, il Prof. Pasqualantonio Pingue della Scuola Normale Superiore, la Professoressa Alessandra Patrono della Scuola Superiore Sant’Anna assieme ai rappresentanti del mondo dell’economia Francesco Ciampi, Jonni Guarguaglini, Riccardo Toncelli, Francesco Oppedisano e, per la Camera di Commercio, Andrea Zavanella. A ritirare il premio per KODE S.r.l. Marco Calderisi, per QROBOTICS S.r.l Fabio Bonomo mentre a salire sul palco per INGENIARS S.r.l. sono stati Luca Fanucci e Giuseppe Gentile.

“Mi complimento con la Camera di Commercio di Pisa – dichiara il professor Marco Raugi, prorettore dell’Università di Pisa per la ricerca applicata e il trasferimento tecnologico – per questa iniziativa che da alcuni anni intende premiare l’innovazione delle realtà imprenditoriali del nostro territorio. Inoltre, come delegato al Trasferimento tecnologico, mi fa particolarmente piacere che quest’anno siano state premiate due spin off dell’Università di Pisa a testimonianza dell’impegno che l’Ateneo pone nello stimolare lo spirito imprenditoriale dei docenti per la valorizzazione dei prodotti della ricerca”. 

 

Premi di Studio “Giuseppe Fascetti” e “Giulio Bernardini”

Sono 22 i diplomati e le diplomate dell’anno scolastico 2018/2019 che hanno ricevuto la pergamena ed i 700 euro lordi dei premi di studio messi in palio anche quest’anno dalla Camera di Commercio di Pisa per ricordare l’impegno nella Giunta dell’Ente Camerale Pisano dell’Ingegner Giulio Bernardini e del Cavaliere del Lavoro Giuseppe Fascetti. I premi sono stati consegnati dal Presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini coadiuvato dalla Prof.ssa Valeria Raglianti in rappresentanza del Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale della provincia di Pisa Dott. Giacomo Tizzanini. Si tratta di riconoscimenti rivolti ai migliori diplomati dei Licei Artistici, il premio Ingegner Giulio Bernardini arrivato quest’anno alla 31ma edizione e degli Istituti Tecnici, professionali il premio Cavaliere del Lavoro Giuseppe Fascetti giunto alla 66ma edizione.

La cerimonia di premiazione si è svolta nell’ambito del convegno: “L’innovazione che paga: tra case history e nuove opportunità”, un evento che ha efficacemente contestualizzato le due premiazioni. Gli attuali scenari globali collocano l’innovazione tra le opzioni prioritarie per competere efficacemente e garantire successo all’impresa, un convincimento, questo, che oggi non appartiene più soltanto alle grandi aziende. Esistono inoltre opportunità di finanziamento, fondi, agevolazioni a sostegno dell’innovazione che devono essere conosciuti per essere intercettati e il convegno ha approfondito questo tema estendendo l’attenzione su tre “case history” di imprese pisane innovative di successo: Spazio Dati srl, Netresults srl e Italprogetti spa.

Notevole interesse ha suscitato inoltre l’esperienza dell’impresa pisana 40South Energy Italia che ha sviluppato una tecnologia capace di sfruttare il moto ondoso per produrre energia elettrica, soprattutto con riferimento alle opportunità finanziarie derivate da Invitalia Ventures, la SGR (Società di Gestione del Risparmio) controllata da Invitalia che è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Ministero dell’Economia. Un approfondimento specifico ha infine riguardato “Smart & Start le opportunità di agevolazione 2020”: il bando a sostegno della nascita e della crescita delle start-up innovative ad alto contenuto tecnologico anch’esso gestito da Invitalia.