E’ arrivata la terza fornitura di 33.500 dosi di vaccino anti Covid da
parte di Pfizer: di queste 21.500 sono state messe subito a disposizione
per riaprire le agende per le prime somministrazioni, mentre le restanti 12
mila saranno utilizzate per le somministrazioni delle seconde dosi, già
calendarizzate a partire dal 17 gennaio. Il calendario vaccinale interessa,
infatti, entrambe le somministrazioni. Questo consente alla Toscana di
gestire, ottimizzare e utilizzare il 100% delle dosi disponibili.

Da ieri, 12 gennaio, si aprono le agende anche alla sanità territoriale,
consentendo così la prosecuzione della fase 1 della campagna di
vaccinazione, che verrà via via estesa a tutte le categorie coinvolte. Le
prenotazioni sono aperte, quindi, non solo agli operatori sanitari e
sociosanitari degli ospedali e delle Rsa, ai medici e pediatri di famiglia,
agli operatori dei servizi di emergenza-urgenza, ai volontari impegnati nei
trasporti sanitari, ma anche alla sanità territoriale
pubblica e al privato accreditato, agli operatori non sanitari che lavorano
negli ospedali e al personale delle ditte appaltatrici di servizi e
manutenzione nelle strutture ospedaliere, sempre che abbiano già
effettuato la pre-adesione iniziale. Per le professioni sanitarie e per
tutti coloro che rientrano nella fase 1, che non hanno effettuato la
pre-adesione, sarà invece aperta nei prossimi giorni un’apposita finestra.
Per prenotare la vaccinazione anti Covid occorre registrarsi sul portale
web regionale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/#/home
.

Dall’inizio della campagna alle ore 14 di oggi, martedì 12 gennaio, sono
state somministrate in tutto 50.919 dosi di vaccino, di cui 8.245 in Rsa,
come riportato sul portale web https://vaccinazioni.sanita.toscana.it
<https://vaccinazioni.sanita.toscana.it/>
, ultimo strumento informatico prodotto da Regione Toscana, che consente a
chiunque di seguire in tempo reale l’andamento di questa campagna, avviata
il 27 dicembre scorso.

“Stiamo procedendo in modo spedito, senza alcuno spreco di dosi e di
tempo – commenta il presidente Eugenio Giani -. Le forniture che riceviamo
vengono subito utilizzate per vaccinare più persone possibili. Abbiamo un
ottimo riscontro. Tutti hanno compreso l’importanza di vaccinarsi. Lo
testimonia il numero crescente di prenotazioni, che continuiamo a ricevere
sul portale regionale. Apriamo le agende a ogni nuova fornitura in arrivo.
E’ una lotta contro il tempo, dove anche i comportamenti responsabili di
ciascuno di noi faranno la differenza sull’esito di questa battaglia contro
il virus”.

“Se siamo tra le prime Regioni in Italia per capacità vaccinale è
grazie allo straordinario impegno di tutto il nostro sistema sanitario –
commenta l’assessore alla sanità, Simone Bezzini – un lavoro che stiamo
portando avanti con efficienza, organizzazione e attenzione verso la
persona. Abbiamo messo a punto un modello modulare ben preciso, digitale e
innovativo, in grado di adattarsi in modo flessibile ai tempi e alle
quantità delle diverse forniture, nonché alle future tipologie di vaccini
disponibili. Nessuno resterà senza, procediamo con ordine, per garantire a
tutti il vaccino, un bene comune decisivo per uscire insieme, quanto prima,
dalla pandemia”.

Le prossime consegne, attese a gennaio, da parte di Pfizer sono: la quarta
il 18, la quinta il 25. Intanto, oggi è arrivato in Italia anche il primo
carico di vaccini della casa farmaceutica Moderna: in tutto 47mila dosi, di
cui una parte sarà destinata alla Toscana, tra le Regioni più virtuose,
in quanto in grado di smaltire più rapidamente le dosi, tramite un numero
elevato di somministrazioni.