Individuare le attività necessarie per combattere il fenomeno
dell’erosione costiera, che rischia di provocare danni importanti alle
imprese del settore turistico balneare. Questo l’obiettivo della task force
permanente che è stata convocata dell’assessora ad ambiente, Protezione
civile e difesa del suolo Monia Monni a seguito di un incontro, tenuto in
videoconferenza, cui sono stati invitati i sindaci della costa toscana, le
Associazioni di categoria dei balneari, il Lamma e i funzionari del Genio
civile.

“È la prima volta – commenta Monni – che i Comuni, le associazioni dei
balneari di tutta la Toscana e la Regione condividono un percorso che ci
dovrà vedere tutti impegnati a trovare soluzioni vere nella lotta
all’erosione costiera. È stato fondamentale anche avere un quadro
d’insieme della situazione della nostra costa, ma ora è il momento di
individuare concretamente le opere da compiere in modo condiviso con
imprese e Comuni interessati”.

Nel corso della videoconferenza sono stati presentati il master plan
relativo alla situazione attuale delle coste toscane, il censimento delle
opere finora realizzate e da parte del Consorzio Lamma sono state
illustrate le modalità in cui avvengono tali fenomeni, valutati anche con
l’utilizzo di tecnologie satellitari.

Il primo incontro è stato un momento di illustrazione e valutazione della
situazione. Da qui la task force ha deciso di costituire alcuni tavoli
tecnici, suddividendoli per aree geografiche omogenee, coordinati dai
funzionari del Genio civile di riferimento, e a cui parteciperanno i Comuni
e le Associazioni di categoria.

I tavoli tecnici, che sono già stati riconvocati, avranno due compiti
principali: impostare interventi finalizzati ai ripascimenti necessari per
la prossima stagione estiva e progettare interventi strutturali per
combattere definitivamente i fenomeni erosivi.