La maggioranza, spaccata per l’ennesima volta, approva l’ampliamento della discarica di Gello di Pontedera – affermano Dario Rollo e Lorenzo Peluso del gruppo consiliare “Valori e Impegno Civico Dario Rollo”. L’ipocrisia di questo centrosinistra è allucinante e fa solo male alla nostra città. Già a gennaio scorso la lista civica aveva presentato un’interrogazione in consiglio comunale per conoscere la posizione dell’attuale amministrazione sull’ampliamento della discarica e le azioni che avrebbe voluto intraprendere.

L’ambiguità delle risposte del sindaco rispetto a quanto aveva affermato sulla stampa precedentemente dimostrava la loro vera intenzione, e cioè di autorizzare l’ampliamento a favore della società, a maggioranza privata, di Ecofor Service Spa. Come al solito, i rappresentanti di centrosinistra, ogni qualvolta prendono delle decisioni contrarie alle posizioni sempre dichiarate e sbandierate in passato o nell’ultima campagna elettorale, cercano di trovare un responsabile della passata amministrazione o di non avere altre possibilità di scelta. A detta degli amministratori cascinesi, il comune di Pontedera ha già autorizzato l’ampliamento sul proprio territorio e pertanto la discarica impatterà ugualmente su Cascina. Come se il comune limitrofo fosse amministrato da forze politiche diverse da quelle presenti nella nostra città. O addirittura quando gli attuali amministratori chiamano in causa la Regione Toscana affermando che sono decisioni sulle quali non si può intervenire. Proprio la stessa regione che viene menzionata in maniera trionfalistica quando fa loro comodo.

Una regione invece assente da decenni sul tema rifiuti, con rappresentanti politici che parlano di ambiente e azioni sostenibili “strizzando l’occhio” alle associazioni ambientaliste, che stranamente nulla dicono in questa occasione, ma che non prevedono alcun piano di gestione dei rifiuti speciali, su cui l’Europa è più volta intervenuta. Anche in questo caso, l’ambiguità è evidente. Quando fa comodo, il centrosinistra chiama in causa le normative europee, altre volte invece se ne dimentica. Tant’è che ciclicamente, la regione Toscana autorizza l’ampliamento delle discariche di rifiuti speciali come quella di Gello o la riapertura come avvenuto ultimamente per La Grillaia a Chianni. Una sinistra che si straccia le vesti gridando “no discariche” ma che dimostra tutte le proprie contraddizioni nel governare i territori. Fortuna che i cittadini cascinesi hanno intuito il modo di operare di questa nuova amministrazione, che fino ad oggi ha utilizzato la situazione legata al Covid19 come scusa per mascherare l’immobilismo assoluto dell’attività amministrativa. Il nostro gruppo – continuano Rollo e Peluso – ha votato contrario alla delibera in quanto la stessa prevedeva di consegnare un “assegno in bianco” in mano agli amministratori che dovranno andare a trattare con i soci privati di Ecofor Service per i ristori che il comune di Cascina potrà, e dovrà, ottenere da questa ennesima violenza che viene perpetrata sul nostro territorio. Violenza che parte decenni anni orsono con discariche e impianti di trattamento rifiuti che hanno riguardato o lambito il nostro territorio comunale. Sarebbe stato più opportuno un atto di indirizzo, e solo dopo aver ottenuto dalla società i giusti ristori, deliberare la variante agli strumenti urbanistici – concludono i consiglieri.