La convenzione tra l’amministrazione comunale e l’associazione culturale islamica è stata siglata a fine maggio, e ora gli uffici stanno predisponendo il permesso di costruire. E’ questo quanto è emerso dalla risposta dell’assessore Dringoli alla nostra interpellanza discussa nel Consiglio comunale di ieri, martedì 8 giugno. 

Dunque la convenzione era già stata siglata nel momento in cui, la settimana scorsa, il sindaco Conti ribadiva la sua contrarietà alla moschea a Porta Lucca: una contrarietà ribadita in occasione dell’approvazione delle modifiche al programma di mandato. 

La Lega e il sindaco Conti continuano nel tentativo di nascondere una sconfitta storica: la loro campagna elettorale del 2018 è stata incentrata sul no alla moschea senza se e senza ma e perfino dopo la sentenza del TAR hanno annunciato azioni eclatanti per impedirne la costruzione. 

Una sconfitta storica nata da una sentenza storica che ha disvelato il dispregio di Conti, della sua giunta e della sua maggioranza verso la nostra Costituzione. 

Siamo quindi davanti ad una vittoria importante che mette un freno alle politiche discriminatorie e razziste che la destra porta avanti in città fomentando l’odio per le diversità. 

Dopo aver tentato ripetutamente, usando come copertura anche la variante stadio, di impedire l’esercizio di un diritto fondamentale ci può essere un unico esito corretto: Conti, Dringoli e la giunta devono dimettersi.

Diritti in comune: Una città in comune – Rifondazione Comunista – Pisa Possibile