Prosegue l’impegno della Regione e dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario nel sostenere gli studenti degli Atenei della Toscana per fronteggiare l’emergenza Covid. In attuazione degli indirizzi deliberati dalla Giunta Regionale, interventi monetari straordinari per circa 5,3 milioni euro sono stati accreditati in queste ore sui conti correnti degli studenti vincitori di borsa di studio per l’anno accademico 2020/2021 iscritti alle università toscane e istituti di formazione superiore.

Tale intervento si aggiunge alle due analoghe iniziative effettuate dal DSU nei mesi scorsi per ulteriori sei milioni e mezzo rivolti ai borsisti dell’anno accademico 2019-2020 finalizzati a compensare il disagio sostenuti dagli studenti in questo ultimo anno e mezzo a causa dell’emergenza sanitaria. Parliamo quindi di circa 12 milioni di euro erogati nell’ultimo anno agli studenti borsisti in aggiunta al valore (monetario e servizi) della stessa borsa che i ragazzi si troveranno accreditati automaticamente nel proprio conto corrente senza dover avviare nessuna pratica amministrativa.

Ma anche per la pluralità degli studenti fuori sede ed iscritti agli atenei toscani che hanno formulato istanza per ricevere contributi sulle locazioni ed hanno presentato un regolare contratto ed evidenza del pagamento dei canoni, è terminata l’analisi delle domande ed è stato pubblicato nella loro area riservata l’esito delle stesse. A tali studenti, con riferimento al periodo febbraio-dicembre 2020 e per i mesi di locazione di cui hanno dimostrato il pagamento, sarà complessivamente erogato un contributo di circa 1,3 milioni di euro.

Si tratta degli ultimi atti emanati dalla struttura gestionale su mandato del Consiglio di Amministrazione uscente dell’Azienda DSU guidato da Marco Moretti – da pochi giorni sostituito dal nuovo CdA e dal neo Presidente Marco Del Medico – che confermano la linea adottata per affrontare l’emergenza Covid dalla Regione Toscana insieme al DSU e l’impegno profuso durante tutto il mandato per implementare gli interventi economici e le strutture di accoglienza ed erogazione di servizi a sostegno degli universitari e delle loro famiglie.

Investimenti e azioni che il DSU ha realizzato in sinergia con l’Assessorato regionale di riferimento raggiungendo ottimi risultati riconosciuti a livello nazionale grazie ad una buona gestione ed una continua attenzione interna al contenimento dei costi, proseguita anche durante la pandemia garantendo il regolare funzionamento di tutte le strutture durante la fase emergenziale che si sono rivelate fondamentali per favorire la presenza studentesca nelle università della Toscana in una fase molto critica.

Il Consiglio di Amministrazione uscente lascia dunque ai nuovi amministratori dell’Azienda una eredità importante di una realtà solida e notevolmente cresciuta dal punto di vista dimensionale e della qualità di un’offerta che va mantenuta nel futuro per continuare a rendere attrattive le università della Toscana non solo dal punto di vista della didattica.