Dopo quelli rivolti all’età della scuola primaria, hanno preso avvio lunedì anche i centri estivi per bambini e bambine della scuola dell’infanzia.
L’Amministrazione comunale di Capannoli si conferma attenta alle esigenze dei più piccoli e delle famiglie; non appena è terminata la scuola sono iniziate le attività estive rivolte a 6-11 anni ed oggi iniziano quelle rivolte ai 3-6 anni, in collaborazione rispettivamente con Uisp Valdera e con la Cooperativa Sociale Arca, già conosciuta sul territorio per la gestione dell’asilo nido “Il gatto con gli stivali”.
Ma il Comune ha fatto ancora di più: ha deciso anche per quest’anno di contribuire al costo dei centri estivi abbattendo la quota di partecipazione per le famiglie residenti di 35 Euro a settimana, che aumentano del 30% dal secondo figlio in poi.
“Un aiuto importante alle famiglie che in questo ultimo anno hanno avuto difficoltà e che oggi si ritroverebbero a sostenere maggiori costi per i centri estivi dovuti agli oneri legati al Covid-19” spiega la Sindaca Arianna Cecchini che prosegue “Molte famiglie sono in difficoltà ed abbiamo voluto dar loro una risposta immediata subito dopo la fine delle scuole”.
Una comunità vivace quella di Capannoli, che vede anche l’organizzazione di camp estivi da parte della locale associazione della Pallacanestro per i ragazzi da 6 a 11 anni e l’organizzazione di attività per ragazzi della scuola media da parte del Gruppo Giovanile parrocchiale.