Didattica, ricerca applicata e terza missione sono gli ambiti di collaborazione previsti dall’accordo quadro tra l’Università di Pisa e l’Ordine dei Geologi della Toscana che è stato sottoscritto martedì 20 luglio nella Sala dei Mappamondi del rettorato pisano. Alla firma erano presenti il prorettore vicario dell’Ateneo, Carlo Petronio, il presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana, Riccardo Martelli, la presidente della Fondazione dei Geologi della Toscana e vicepresidente dello stesso Ordine, Elisa Livi, e i professori Giovanni Zanchetta, vice direttore del Dipartimento di Scienze della Terra, e Roberto Giannecchini, docente di Geologia applicata.

La convenzione, di durata triennale, ha come premessa la volontà di integrare le rispettive competenze ed esperienze nei settori di comune interesse per migliorare nello svolgimento delle reciproche attività istituzionali. Le possibilità di collaborazione richiamate nel testo sono svariate. Per quanto riguarda la didattica, si va dallo svolgimento, da parte di personale tecnico qualificato iscritto all’Ordine, di corsi di insegnamento e seminari, attività di laboratorio ed esercitazioni pratiche di terreno, all’effettuazione da parte degli studenti Unipi di tirocini, tesi di laurea e visite tecniche, fino al cofinanziamento di attività formative professionalizzanti, borse di studio e premi finalizzati a valorizzare la figura del geologo.

In relazione agli altri due ambiti, l’accordo cita lo sviluppo di progetti di ricerca e di attività di trasferimento tecnologico congiunti, di corsi di formazione e aggiornamento professionale riservati agli iscritti all’Ordine, di iniziative dedicate all’orientamento e al placement. Un rappresentante dell’Ordine parteciperà infine alle attività dei Comitati di indirizzo per i corsi di studio di sua competenza.

I referenti dell’accordo sono il presidente Martelli per l’Ordine dei Geologi della Toscana e i professori Roberto Giannecchini, associato di Geologia applicata, e Monica Bini, associata di Geografia fisica e Geomorfologia, per l’Ateneo di Pisa.

“Anche a nome del Rettore – ha detto il professor Petronio – esprimo il mio grande compiacimento per questo accordo, che trova le sue radici nella antichissima tradizione di eccellenza della geologia universitaria pisana e apre la strada a importanti collaborazioni, creando occasioni di crescita sia per i nostri studenti sia per i professionisti che operano sul territorio”.

“Si tratta di una grande opportunità per i nostri studenti e per le nostre istituzioni, che vedono in questa convenzione uno strumento per crescere insieme – ha commentato il presidente Martelli – Lo scambio di informazione e formazione permetterà alle università di dotare gli studenti di strumenti nuovi che consentiranno loro di arrivare ad affacciarsi al mondo del lavoro con conoscenze ed esperienze che giungono direttamente dal mondo della professione e dell’impresa, oltre a una maggior consapevolezza dell’importanza del percorso che stanno compiendo. Lo stesso scambio di informazione e formazione permetterà di aggiornare e incrementare il patrimonio di conoscenza tecnico-scientifica degli iscritti al nostro Ordine e questo avrà una positiva ricaduta sulla qualità del lavoro che ogni giorno metteranno a disposizione dei cittadini come professionisti, come dipendenti della pubblica amministrazione o dell’impresa”.

“Questo accordo – ha aggiunto la dottoressa Livi – giunge a coronamento di una collaborazione attiva già da diversi anni con il Dipartimento di Scienze della Terra e che auspichiamo possa ora essere estesa anche ad altri dipartimenti”.

“La firma odierna – hanno concluso i professori Zanchetta e Giannecchini – completa un percorso di lavoro fatto insieme all’Ordine dei Geologi della Toscana e più in generale alle realtà produttive del territorio, agevolando i rapporti con il mondo della libera professione che rappresenta uno degli sbocchi principali per i laureati di Scienze della Terra”.