Soddisfazione del Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai. Un Teatro Verdi pieno di studenti ed insegnati ha celebrato, questa mattina, La Festa della Toscana, la ricorrenza che vuole ricordare che il 30 novembre del 1786, Pietro Leopoldo, Granduca di Toscana, firmò, proprio nella nostra città, un editto con il quale venne adottato un nuovo codice penale in cui, per la prima volta al mondo, si decretava l’abolizione della pena di morte e della tortura.
Dopo l’alzabandiera e l’esecuzione dell’inno nazionale e di quello europeo, a cura del Coro e dell’Orchestra sinfonica del liceo Musicale Carducci, diretti dal maestro Carlo Deri, e i saluti del Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai “la libertà comunale e i principi di umanesimo celebrano l’identità e l’orgoglio della nostra regione” , del Sindaco di Pisa, Michele Conti “dalla nostra città, la forza ideale dell’abolizione della pena di morte di 236 anni fa si propagò in ogni angolo del mondo”, del Presidente della Giunta Regionale, Eugenio Giani “ben 4 miliardi di persone ancora oggi vivono in paesi in cui in cui la pena di morte è praticata”, del Presidente del Consiglio Regionale, Antonio Mazzeo “dalla nostra Regione un messaggio di non violenza per il mondo intero, solidarietà alla giornalista Greta Beccaglia molestata, ieri sera, durante un collegamento in diretta tv” del presidente della Provincia di Pisa, Massimiliano Angori “lo scorso anno alcuni stati hanno addirittura aumentato la pena capitale”, sono intervenuti, dopo i saluti della professoressa Valeria Raglianti della Direzione Scolastica provinciale, e coordinati dalla professoressa Maria Teresa Alfano, alcuni studenti del Consiglio Comunale dei ragazzi “E. Santoni”.
Successivamente, dopo i saluti del comico Cristiano Militiello, hanno poi preso la parola il vicepresidente del Consiglio Comunale, Riccardo Buscemi “libertà per il nostro concittadino Fulgecio Obiang Esono” e il professor Fabrizio Franceschini su “Pietro Leopoldo contro l’odio, il monumento di piazza Santa Caterina”.
Poi, dopo un nuovo concerto a cura del Coro e dell’Orchestra sinfonica del liceo Musicale Carducci, sono intervenuti i consiglieri Maurizio Nerini e Matteo Trapani e il professor Giuseppe Tavani su “Dante musicista toscano“ e di Lorenzo Gemignani su “I cento anni di Renato Fucini (inventore) del vernacolo pisano”. Infine un nuovo concerto a cura sempre del Coro e dell’Orchestra sinfonica del liceo Musicale Carducci, ha concluso, tra gli applausi, la giornata.
Presenti, tra gli altri, i deputati Lucia Ciampi e Stefano Ceccanti e le consigliere regionali Elena Meini e Irene Galletti.