Nel penultimo turno del girone di andata i nerazzurri, sabato alle ore 14.00, andranno a far visita al Cosenza in un match che nasconde diverse insidie contro una squadra che ha appena cambiato allenatore e che proverà in tutti i modi a raggiungere una salvezza che equivarrebbe alla vittoria di un campionato per la società calabrese che, a estate ormai inoltrata, ha saputo di essere ripescata dalla C alla B al posto del Chievo dovendo così metter su una rosa di livello per il campionato cadetto in poco tempo.

I risultati infatti di una rosa che si stava preparando ad affrontare il campionato di Serie C si sono visti: il Cosenza al momento occupa la 16^ posizione in campionato con 16 punti, piena zona playout che i calabresi al momento disputerebbero contro l’Alessandria. Nonostante questo però la retrocessione diretta è a distanza di sicurezza: +8 su Pordenone e Crotone e +9 sul Vicenza ultimo in classifica. Il Cosenza era partito anche bene tra la metà di Settembre e la metà di Ottobre dopo le prime due sconfitte stagionali contro Ascoli e Brescia dovute anche al mercato non ancora concluso. Dopo le prime 2 giornate il Cosenza si è rialzato battendo Vicenza, Como e Crotone sempre in casa tra la 3^ e la 6^ giornata e pareggiando 1-1 a Perugia. Dalla 7^ alla 16^ giornata però è arrivato un altro calo con una sola vittoria (3-1 alla Ternana), 2 pareggi (Frosinone e Parma) e ben 7 sconfitte che hanno così portato all’esonero di Mister Zaffaroni.

Al suo posto è arrivato, o meglio ritornato, Roberto Occhiuzzi. Il Mister del miracolo salvezza della stagione 2019/20 ma anche il Mister della retrocessione sul campo nella stagione scorsa. Al ri-esordio Occhiuzzi nello scorso turno ha conquistato un pareggio per 1-1 a Lignano Sabbiadoro contro il Pordenone. La formazione tipo di Occhiuzzi è stata la seguente: 3-4-3 con Matosevic in porta; tris difensivo composto da Tiritiello-Rigione e Venturi. A centrocampo Anderson a destra, Situm a sinistra e Carraro con Palmiero al centro. In attacco sull’esterno di destra Caso, con Millico a sinistra e Gori come punta centrale. Il Cosenza ha fatto molto meglio in casa che in trasferta: 13 punti al “Marulla” contro i 3 soli fatti lontano dalle mura amiche dove solo Crotone e Pordenone hanno fatto peggio.

FORMAZIONE TIPO COSENZA

(3-4-3): Matosevic, Tiritiello, Rigione, Venturi; Anderson, Palmiero, Carraro, Situm; Caso, Gori, Millico. All. Occhiuzzi

PARTITE UFFICIALI COSENZA

Coppa Italia
Fiorentina-Cosenza 4-0

Serie B
Ascoli-Cosenza 1-0
Brescia-Cosenza 5-1
Cosenza-Vicenza 2-1
Perugia-Cosenza 1-1
Cosenza-Como 2-0
Cosenza-Crotone 1-0
Alessandria-Cosenza 1-0
Cosenza-Frosinone 1-1
Benevento-Cosenza 3-0
Cosenza-Ternana 3-1
Lecce-Cosenza 3-1
Cosenza-Reggina 0-1
Parma-Cosenza 1-1
Cosenza-Spal 0-1
Monza-Cosenza 4-1
Cosenza-Cremonese 0-2
Pordenone-Cosenza 1-1

4V 4N 9S | Gol fatti: 15 | Gol subiti: 27