Arrivata alla sua seconda edizione, “Invasione di campo” – un format di serate estive (ideato da Aldo Dolcetti) che ospiteranno un personaggio del calcio e un artista – ha visto partecipare alla serata inaugurale il presidente del Pisa Giuseppe Corrado.

Che ha parlato in esclusiva ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com: “Il gioco del calcio è arte, l’arte poi si limita a un gioco meno estetico perché le circostanze lo richiedono, ma normalmente il gioco il calcio spesso è arte. Se noi abbiamo fatto il capolavoro? Per me si, non è arrivato il risultato ma non sempre questo va di pari passo con la qualità e l’estetica di gioco, spesso si lega ai particolari… un palo, un ciuffo d’erba. Di sicuro è stata un’esperienza che ci ha fatto crescere”.

Andando poi alla stagione che verrà: “Maran per la carriera che ha saputo sviluppare, anche in A, è sicuramente una garanzia, come lo era Luca D’Angelo. Il progetto dovrà continuare su quello preesistente, ma devono azzerare strascichi di situazioni vecchie: si apre un nuovo progetto che potrà accompagnarci nei prossimi anni. Lucca in A? Adesso è prematuro, faremo a breve il punto della situazione per le esigenze dei vari giocatori e per perfezionare la nostra rosa, che dovrà essere importante. Lo richiedono le tante partite, alle quali vorremmo arrivare con la migliore delle soluzioni. Big dalla A? Ne abbiamo tanti, li facciamo diventare noi facendoli giocare bene. Non so dire di Puscas, vedremo quello che sarà”.

Nota conclusiva al campionato di B: “Sono andate via squadre gloriose e ne sono arrivate altre, il torneo cadetto è sempre difficile, ma l’ultimo anno è stato anche molto bello. Speriamo lo sai anche adesso, ora ci presentiamo con valore in più e l’intenzione è quella di ripresentarci da protagonisti”.