A un anno dalla scomparsa della professoressa, sarà eseguito il Requiem in re minore K626 di W. A. Mozart Venerdì 24 giugno alle ore 21.30, nella Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria (in Piazza Santa Caterina a Pisa), il Coro dell’Università di Pisa eseguirà il Requiem in re minore K626 di W. A. Mozart, a un anno dalla scomparsa di Maria Antonella Galanti, già responsabile del Polo Musicale di Ateneo. Insieme al Coro si esibiranno il soprano Federica Nardi, il contralto Fulvia Bertoli, il tenore Mentore Siesto e il basso Giorgio Marcello, insieme alla Tuscan Chamber Orchestra, sotto la direzione di Stefano Barandoni. L’ingresso è libero.

Così, Maria Letizia Gualandi, attuale responsabile del Polo Musicale ‘Maria Antonella Galanti’, presenta il concerto di venerdì: “Il 24 giugno 2021 ci ha lasciati Maria Antonella Galanti, dopo una malattia fulminante. È stata una grave perdita per chiunque l’abbia conosciuta: per i colleghi del Dipartimento di Civiltà e forme del sapere, dove insegnava Didattica e Pedagogia Speciale e dove portava avanti studi raffinati sulla psiche umana; per gli studenti che ne hanno seguito gli insegnamenti su temi delicati come la complessità, la differenza, la disabilità; per l’Università tutta dove, come prorettrice per i Rapporti con il territorio, si è sempre battuta per il superamento delle disuguaglianze, per l’integrazione, per i diritti delle donne e dei più deboli.

E anche per il Coro e l’Orchestra dell’Università di Pisa che, come responsabile del Polo Musicale di Ateneo, Maria Antonella ha guidato ininterrottamente dal 2013 fino alla sua scomparsa, con profonda competenza, grande entusiasmo e ferrea determinazione. In realtà in questi anni Maria Antonella non è stata solo la responsabile, è stata l’anima del Coro e dell’Orchestra, che sotto la sua guida sono cresciuti, non solo nel numero dei componenti, ma anche nell’impegno dei concerti. Fino a quando la malattia l’ha fermata.

A lei il Magnifico Rettore Paolo Mancarella ha deciso di intitolare il Polo Musicale e a lei, a un anno esatto dalla scomparsa, il Coro dell’Università dedica la Messa di Requiem in re minore K 626 di W. Amadeus Mozart, accomunando nel ricordo anche altre figure importanti per il Polo Musicale, che in questi ultimi due anni ci hanno lasciato prematuramente: il Magnifico Rettore Luciano Modica, che nel 1999 favorì la nascita del Coro, accogliendo il progetto di Carolyn Gianturco; la stessa Carolyn, fondatrice del Coro e dell’Orchestra e responsabile del Polo Musicale fino al 2013; e inoltre Giancarlo Dell’Amico, basso e responsabile dell’organizzazione dei concerti del Coro, Gianluigi Barbaglio, tenore, Laura Pasqualetti, pianista”.