Nasce in seno a Confcommercio un nuovo soggetto per il lavoro. L’agenzia di Confcommercio Provincia di Pisa, già accreditata dalla Regione Toscana per i servizi alla formazione, è diventata  anche agenzia per il Lavoro per le province di Pisa e di Livorno.

Considerando l’attuale contesto economico e sociale, in cui l’incontro tra domanda e offerta di lavoro è sempre più difficile, in cui le imprese hanno enormi difficoltà a reperire i giusti profili, la nuova agenzia per il lavoro di Confcommercio offre alle pmi del territorio servizi di consulenza finalizzati all’individuazione delle risorse più idonee da inserire in azienda, dalla ricerca e selezione del personale all’orientamento, dalla ricollocazione professionale all’accompagnamento al lavoro dei più giovani.

“Cerchiamo di dare una soluzione concreta e qualificata all’esigenza di personale di moltissime imprese” – commenta il presidente di Confcommercio  Provincia di Pisa Stefano Maestri Accesi: “Nell’ultimo periodo l’offerta di lavoro non trova risposta, le imprese cercano personale ma non lo trovano, con particolare gravità per i pubblici esercizi e per le strutture turistico-ricettive. Come Confcommercio ci siamo sentiti di offrire una opportunità ai nostri associati, per colmare il gap tra domande e offerta,  grazie a questo nuovo servizio nel quale crediamo tantissimo”.

“L’attenzione al superamento del disallineamento tra domanda e offerta di lavoro è centrale nelle politiche della Regione Toscana” – le parole dell’assessore regionale all’istruzione e alla formazione Alessandra Nardini: “La fase che stiamo vivendo è molto complessa per quanto riguarda l’occupazione, a causa di pandemia, guerra, aumento spropositato del costo dell’energia. Questo è però anche un periodo di straordinarie opportunità per risorse e strumenti a disposizione: penso agli strumenti messi in campo dal PNRR, il nuovo Programma GOL – Garanzia Occupabilità Lavoratori, di cui solo la prima tranche, per la Regione Toscana, vale oltre 50 milioni, a cui si sommano i quasi 54 milioni delle risorse residue degli ammortizzatori in deroga che la Toscana è riuscita sbloccare con cui vogliamo portare avanti il Patto per il Lavoro, concertato con le parti sociali regionali e provinciali, e le risorse del nuovo settennato del Fondo Sociale Europeo, FSE.  La parola d’ordine deve essere complementarietà, per riuscire ad allargare la platea dei beneficiari e dare risposte adeguate, grazie al modello toscano che vede al centro i servizi pubblici per l’impiego in sinergia con i privati accreditati. Questa è la complementarità, la logica di cooperazione, che caratterizza il nostro modello, sul quale vogliamo continuare ad investire”.

“Una risposta concreta per le piccole e medie imprese e per il mondo del lavoro, questo è il valore e l’aspetto fondamentale di questa iniziativa” – il riconoscimento dell’assessore al commercio del comune di Pisa Paolo Pesciatini: “assistiamo alle difficoltà di imprenditori locali a individuare profili adeguati alle loro esigenze, e in questo momento riuscire a legare domanda e offerta mediante uno strumento come questo rappresenta una risposta concreta per il nostro territorio”.

“Sono 7.320 i lavoratori ricercati dalle  imprese nel mese di settembre, 20 mila su base trimestrale e per questo come associazione di categoria abbiamo l’obbligo di lavorare nella ricerca e selezione del personale, con la collaborazione estrema di tutti i principali soggetti istituzionali, dalla regione ai comuni, dalle università ai centri per l’impiego. Noi siamo pronti e vogliamo dare una risposta efficace alle imprese” – ha aggiunto il direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli.

La responsabile formazione di Confcommercio Cecilia Pellegrinetti ha spiegato le principali fasi in cui si suddividono le attività di ricerca e selezione del personale della nuova agenzia per il lavoro: “Analisi del contesto e predisposizione della job description relativa alla figura professionale richiesta; Recruiting attraverso il database di iscritti all’Agenzie e attraverso canali di ricerca desiderati; Analisi del candidato attraverso valutazione dei curricula e colloqui individuali di approfondimento; preselezione attraverso la predisposizione di una lista di candidati maggiormente idonei rispetto al profilo, da sottoporre al colloquio da parte dell’azienda; orientamento di primo livello e orientamento specialistico; accompagnamento al lavoro per l’attivazione di tirocini e di contratti di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale”.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione Francesca Piliero e Gabriele Rossi dell’Unità Career Service dell’Università di Pisa e Daniele Bettinetti consulente esperto nel sistema delle competenze.

Per info e contatti: www.catconfcommerciopisa.org/agenzia-per-il-lavoro/
         Tel. 050/25196      apl@confcommerciopisa.it