Un grande classico del campionato di serie C, in programma questo pomeriggio ore 17.30 allo stadio “Ettore Mannucci” fra Pontedera e Siena. Granata e bianconeri si troveranno di fronte per la 32^ volta, una rivalità piuttosto longeva visto che il primo incontro tra le due compagini è avvenuto nella stagione 1924-25. Il consuntivo vede 13 successi dei padroni di casa, 10 pareggi e otto successi degli ospiti: l’ultimo proprio lo scorso anno nella gara valevole per la penultima giornata lo scorso 16 aprile. Tornando ad oggi, la truppa di Pasquale Catalano dopo aver palesato un grande carattere e la capacità di non arrendersi mai, cerca la prima vittoria della stagione, riassaporando la gioia dei tre punti soprattutto per dare maggiore fiducia, autostima ed entusiasmo al gruppo.

Il cliente odierno non è dei più malleabili, il Siena. I bianconeri guidati dal condottiero Guido Pagliuca, che lo scorso anno ha espugnato già il Mannucci alla guida della Lucchese. Formazione molto equilibrata e solida, una delle sei formazioni ancora imbattute in terza serie insieme al Gubbio nel girone B, Novara e Arzignano nel girone A e Catanzaro e Crotone nel girone C. In più il portiere Lanni ha subito solo un gol, quello di Di Massimo alla prima giornata poi per i restanti 451’ minuti non ha dovuto più raccogliere il pallone alle sue spalle. «Affrontiamo una squadra molto forte e ben allenata – esordisce mister Catalano – noi cercheremo di rispondere colpo su colpo, mettendo in campo le nostre armi. Quello che riusciremo a fare dipenderà anche da ciò che sarà permesso dai nostri avversari. Veniamo dalla buona prestazione di Cesena, dove abbiamo dimostrato la capacità di rimontare e di non mollare mai, è innegabile il fatto che la vittoria manca».

Oltre a Baroni assente di lungo corso, non è stato recuperato Guidi, ancora alle prese con un problema al ginocchio non grave. Nicastro dovrebbe farcela, l’attaccante siciliano ex Padova sarà della partita utilizzando una maschera protettiva. Riguardo al modulo 4-3-2-1 e 3-4-2-1 le opzioni possibili: nel caso della prima ipotesi Espeche ed Aurelio sulle fasce, mentre Martinelli e Shiba in mezzo. Ladinetti a dirigere il traffico in mezzo al campo supportato da Catanese mentre a destra Perretta, Somma e Izzillo si giocano un posto, Fantacci e Nicastro a supporto di Petrovic. Con gli stessi uomini si potrebbe optare per il modulo con 3 uomini in difesa, dipenderà dal movimento degli esterni. Sull’altra sponda il Siena recupera Bianchi mentre Paloschi con ogni probabilità andrà in panchina lasciando ad Arras il compito di pungere in avanti supportato dall’ex Disanto e Belloni. Dirige Dario Madonia di Palermo, coadiuvato da Fabio dell’Arciprete di Vasto e Andrea Barcherini di Terni.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Pontedera (4-3-2-1): 1- Siano; 19 Espeche, 6 Shiba, 29 Martinelli, 3 Aurelio; 21 Perretta, 8 Ladinetti, 13 Catanese; 10 Fantacci, 25 Nicastro; 7 Petrovic. All. Catalano.
Siena (4-3-2-1): 1 – Lanni; 2 Raimo, 28 Silvestri, 13 Crescenzi, 3 Favalli; 15 Collodel, 55 Leone, 8 Buglio; 10 Belloni, 7 Disanto; 21 Arras. All. Lelli (Pagliuca squalificato).

Arbitro: Dario Madonia di Palermo.